BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

CAOS LISTE/ Elezioni Regionali 2010: Napolitano firma il Decreto legge

formigoni_napolitano_berlusconi_R375.jpg(Foto)

 

Il Ministro degli Interni Roberto Maroni ha parlato in questi termini di quanto successo nel Consiglio dei Ministri che ha varato il DL "salva-liste" «è stata data una interpretazione autentica delle norme di legge vigenti senza modificarle per consentire ai giudici del Tar di applicare la legge». Non un cambio in corsa delle regole, quindi, o una invasione di campo nella magistratura, ma una chiarificazione dello spirito con cui la legge elettorale - rimasta immutata - era stata scritta. «Riteniamo - ha proseguito Maroni - che con questo provvedimento gli organi della giustizia amministrativa siano in grado di decidere sulla base di una interpretazione univoca della legge, e quindi decidere serenamente se i ricorsi presentati dalle varie liste escluse possono essere accolti o meno». Pare che il Colle possa già questa sera valutare il Decreto Legge che - se ratificato - potrà comparire domattina in Gazzetta Ufficiale, prima che arrivi la decisione attesa del Tar.

 

Aggiornamento: Nella tarda serata si è appreso della firma del Presidente Giorgio Napolitano

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
06/03/2010 - Lo scivolamento progressivo (Franco Labella)

Commenti? Purtroppo l'unico commento possibile è che si è riusciti a scrivere una pagina assai negativa. Propongo di sostituire la scritta presente nelle aule di giustizia con un'altra più adeguata :"Fatta la legge, trovato l'inganno interpretativo" . E' più nobile dell'antico "Fatta la legge , trovato l'inganno" e dispiace che la firma sia quello di Napolitano. Lo scivolamento progressivo continua. Chissà se B., per coerenza, ringrazierà il "comunista" Napolitano. Nel bene e nel male questi "comunisti" imperversano. Meglio i pasticcioni, perciò, che per lo meno sono coerenti. Non rispettano le regole, insultano chi le fa rispettare e, per sovrammercato, hanno stabilito che , dall'anno prossimo, il Diritto non si studierà più nelle scuole superiori italiane. E' un bel record anche questo: siamo l'unico paese europeo ad averlo fatto. Franco Labella - Docente c.t.i.(prossimo al licenziamento per sopraggiunta inutilità) di Discipline giuridiche ed economiche