BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI REGIONALI 2010/ Vittadini: La politica che si avvicina ai cittadini

Pubblicazione:

Vittadini_GiorgioR375.jpg

 

E che dire di quella libertà di educazione che solo alcune Regioni assicurano attraverso voucher e doti scolastiche? Tale possibilità non permette solo una maggiore libertà di scelta delle famiglie, ma anche, in una competizione virtuosa, un miglioramento della scuola statale a vantaggio di un’uguaglianza di opportunità che l’attuale assetto scolastico iperstatalista non riesce a garantire (se è vero che nei recenti test Invalsi sulle scuole elementari almeno il 40% degli studenti, soprattutto nelle aree più svantaggiate, non superano prove molto semplici di italiano e matematica).

 

E si potrebbe continuare parlando di investimenti in infrastrutture, visto che è ben diverso avere treni pendolari in orario e veder migliorare la qualità e la percorribilità di strade e autostrade; di incentivi alle imprese che creano occupazione; di interventi a favore della ricerca universitaria; di raggiungimento di scopi sociali attraverso una vasta sussidiarietà orizzontale che impedisce la divaricazione fra ricchi e poveri.

 

Basterebbero questi semplici accenni per capire quanto le politiche regionali siano importanti per la vita della gente e quindi quanto siano decisive le prossime elezioni, anche in considerazione del fatto che, come rileva il recente Rapporto “Sussidiarietà e… Pubblica Amministrazione Locale”, pochissime sono le Regioni promosse dai cittadini e molte sono quelle bocciate.

 

Nel frastuono degli urli vacui della politica nazionale, bisogna trovare la serietà di comparare programmi e risultati e valutare le persone in base al loro operato. Chi vuole fare di queste elezioni l’ennesimo test per uno scontro ideologico tra schieramenti, fa solo il male degli elettori e di tutto il Paese.

 

(Pubblicato su Il Corriere della Sera del 5 marzo 2010)


© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
23/03/2010 - LA POLITICA CHE FUNZIONA (simone matteucci)

CARO PROFESSORE QUELLO CHE DICE LEI E'GIUSTO,MA NON PENSA CHE SAREBBE MEGLIO CHE LE REGIONI OVE LA SANITA', LA SCUOLA, VENGANO PORTATE AL LIVELLO DELLA LOMBARDIA O DI ALTRE REGIONI DOVE NON SI DEBBA SCAPPARE PER POTER AVERE UNA ISTRUZIONE O ESSERE CURATI,FARE IN MODO CHE IL CITTADINO SIA PARTE INTEGRANTE DELLA REGIONE DI APPARTENENZA. QUI IN LOMBARDIA TUTTO FUNZIONA, SIA IL PRIVATO CHE IL PUBBLICO,CHE UNITI INSIEME, TUTTO PERCHE' PRIMA VIENE IL CITTADINO POI LA POLITICA. IN QUESTE ULTIMI GIORNI DI CAMPAGNA ELETTORALE VIENE ALLA LUCE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE UNA COSA, CHI PENSA AL CITTADINO CHI AD ACCHIAPPARE VOTI PER POTER SCONFIGGERE IL NEMICO DI SEMPRE. GRAZIE A QUESTA POLITICA RIVOLTA AL CITTADINO LA LOMBARDIA HA FUNZINATO E SPERO CHE CONTINUI A FUNZIONARE COSI. GARZIE PROF. SIMONE MATTEUCCI

 
06/03/2010 - Firme e farisei (Guido Cariboni)

Grazie Vitta per aver riportato il nostro sguardo alla realtà. In queste ore, per certi versi drammatiche, l'atteggiamento più becero e fariseistico mi sembra quello del PD, in particolare nella persona del suo segretario Pierluigi Bersani. Costui tenta di trarre vantaggio dalla sciocchezza delle duecento firme, forse, male autenticate per dividere ancor più il nostro popolo, disprezzando il bene comune e tentando di cancellare una presenza di quindici anni che ha cambiato la Lombardia.

 
05/03/2010 - Più vicina di così! (claudia mazzola)

Oggi ho incontrato la cara e gentile signora Patrizia, con l'Avsi le abbiamo chiesto aiuto per un evento di raccolta fondi per Haiti e sostegni a distanza. Ebbene la politica dovrebbe essere come Patrizia, bussi alla sua porta, ti apre e ti offre sè stessa.