BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

ELEZIONI REGIONALI 2010/ Il Tar accoglie la richiesta di sospensiva, Roberto Formigoni è di nuovo in corsa

Ieri sera il capo dello stato ha firmato il decreto interpretativo “salvaliste”. Le prime reazioni. Di pochi minuti fa la notizia che il Tar della Regione Lombardia ha accolto la richiesta di sospensiva formulata da Roberto Formigoni: al momento la sua lista è riammessa

Formigoni_RobertoR375_22sett08.jpg(Foto)

FLASH - IL TAR ACCOGLIE LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA: FORMIGONI DI NUOVO IN CORSA: Il Tar della Lombardia ha accolto la richiesta di sospensiva avanzata dalla lista Formigoni. La decisione dell'Ufficio Elettorale della Corte d'Appello perde in tal modo di efficacia e il presidente della Regione, Roberto Formigoni ritorna in corsa per le prossime elezioni regionali, in attesa di un pronunciamento definitivo.

IL PRESIDENTE NAPOLITANO HA FIRMATO IL DECRETO SALVA-LISTE - Nella tarda serata di ieri il capo dello stato, Giorgio Napolitano, ha firmato il controverso decreto interpretativo salva-liste varato dal Consiglio dei ministri per sanare il problema delle liste escluse dalla competizione elettorale, cioè la lista di Formigoni in Lombardia e la lista provinciale del Pdl a Roma, collegata al listino - già riammesso l’altro ieri dalla Corte d’Appello di Roma - di Renata Polverini.

IL DECRETO LEGGE SALVA-LISTE PDL - Già ieri, prima del consiglio dei ministri, si parlava della struttura del decreto legge che sarebbe stato sottoposto alla firma del capo dello stato. Secondo le anticipazioni, il testo di decreto del quale sono stati informati i ministri sarebbe stato articolato in quattro punti: il primo, che i termini per presentare una lista tengano conto del fatto che i presentatori sono presenti nell’ufficio di consegna nei termini stabiliti dalla legge; il secondo, che la documentazione addotta possa essere verificata dagli organi competenti anche in una seconda fase e non subito, per quanto riguarda gli elementi che hanno scatenato i ricorsi e i controricorsi degli ultimi giorni, cioè i timbri e le vidimazioni; il terzo, che possano fare ricorso al Tar le liste non ammesse, mentre quelle ammesse sulle quali è stato fatto ricorso possono andare davanti al Tar solo dopo il voto. Il quarto punto infine prevede che il decreto si applichi già alle prossime elezioni regionali.

Clicca >> qui sotto per continuare a leggere l’articolo sulle elezioni regionali 2010: il Decreto salva liste, Napolitano, le reazioni di Casini, Bersani, Di Pietro e altri esponenti di maggioranza e opposizione in attesa della sentenza del Tar sul caso Formigoni e Polverini 


COMMENTI
06/03/2010 - ed ora? (Alberto Pennati)

E adesso? Cosa diranno tutti quelli che hanno vomitato addosso al Governo in carica, che si sono issati a baluardo della "santa magistratura", che doveva essere persino protetta con pool di avvocati, per poter decidere serenamente? Forse tutta questa baraonda, della quale si sono vantati i radicali, e dietro la quale sono andati tutti - e sottolineo tutti - gli esponenti dell'opposizione, è stata montata ad arte, per evitare di ascoltare quello che i politici avevano da dire. Una di queste è la seguente: "se mi dimentico di obliterare il biglietto del treno, pago la multa". Veramente esilarante! Indovinate chi può averla detta: vi metto le iniziali: F.P. Magari leggeremo che l'interessato ha però smentito.....

 
06/03/2010 - "Colpo di stato colorato" di J. Laughland 04/03/20 (corrado mazzuzi)

Georgia rivoluzione del novembre 2003 Ucraina rivoluzione arancione del novembre 2004 Libano rivoluzioni dei Cedri Kirgizistan rivoluzione “dei limoni” o dei “tulipani”? Uzbekistan rivoluzione del maggio 2005 ....Italia......sciarpa viola....ma non si poteva scegliere un altro colore...che ne so... indaco, giallo, rosso...no forse rosso è un colore un pò troppo inflazionato... allora magari azzurro...pensando alla nazionale di calcio italiana....

 
06/03/2010 - Cade il velo? (Alberto Pennati)

Vuoi vedere che, tra l'abbaiare proveniente da sinistra, adesso fa comodo anche a loro il decreto?