BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RU 486/ Fisichella appalude i no di Cota e Zaia. Scontro tra Pdl e Aifa

RU486_PilloleR375.jpg (Foto)



Monsignor Fisichella, presidente della pontificia accademia per la Vita e cappellano di Montecitorio, ha invece applaudito alla chiarezza dei due presidenti della Lega Nord: «sono atti concreti che parlano da sè - ha detto - e al primo atto compiuto va il mio plauso».

Intanto si annuncia una guerra tra Pdl e Guido Rasi, direttore dell'Aifa, secondo Maurizio Gasparri un "piazzista di farmaci". In sua difesa Anna Finocchiaro. La battaglia è appena cominciata.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
06/04/2010 - v. intervento precedente (massari annalisa)

Sono d'accordissimo con Antonio Servadio.

 
02/04/2010 - come tirarsi la zappa sui piedi (Antonio Servadio)

non vedo per quale motivo la Chiesa dovrebbe imbavagliarsi e astenersi dal commentare argomenti "trasversali" e universali quali la difesa della vita, della natura, i diritti umani ecc. Anzi ! Circa la famosa pilloletta, di dichiarazioni sulla RU486 ne abbiamo sentite e lette tante, con pluralismo (Chiesa inclusa) e da lungo tempo. Fatta questa premessa, reputo che le "uscite" sulla RU486 fatte da certi politici, così a ridosso delle elezioni, non costituiscano un luminoso esempio di come e perche' "fare politica", piuttosto mi appaiono come esempi di bieca "piazzata". Chiamarle dichiarazioni da comizio sarebbe fare un complimento. Di fronte a bisticci cosi' miseramente strumentali e grossolani, credo proprio che il Presule avrebbe servito molto meglio la propria causa astenendosi dal commentare. Invece e' caduto nella trappola mediatica squalificando i contenuti del proprio intervento. Parteggiare per quei signori fornisce perfetti argomenti a favore degli anti-clericali oltranzisti, proprio quelli che vorrebbero sempre e comunque chiudere il becco alla Chiesa. Per cortesia, teniamo un profilo più alto.