BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 2. Chiamparino: basta col Pd, fondiamo una Lega di sinistra

Pubblicazione:giovedì 1 aprile 2010

chiamparino_intervistaR375.jpg (Foto)

 

Il perimetro da cui partire è più o meno quello attuale, da Vendola a Casini, serve però un profilo programmatico per non riproporre il fallimentare modello dell’Unione. Sono un po’ stufo di parlare di Ulivo sollevando gli applausi degli uni e le critiche degli altri, ma ho in mente quel modello per il centrosinistra. Se fa problema il nome lo chiameremo “Ettore”. 

A proposito di “Ulivo 2” in questi mesi si è parlato di Casini come del “nuovo Prodi”. Lei crede a questa ipotesi? 

Guardi, la leadership non può che essere decisa da coloro che prenderanno parte al progetto. Non si possono escluderne alcune, né sceglierne delle altre a priori.

Ha intenzione di proporsi per questo ruolo?

Non mi pare che siano ancora aperte le iscrizioni. Io sono disponibile a lavorare per questo progetto se si concretizza, se questo non succede mi guarderò intorno. 

Tornando al voto. Quali sono stati gli errori che vi hanno penalizzato secondo lei? 

Non vorrei tornare al passato. A suo tempo dissi che alla candidatura di Vendola in Puglia si poteva arrivare in modo meno tortuoso e meno penalizzante per il Partito Democratico, se invece prendiamo un caso che mi riguarda da vicino, come il Piemonte, sono convinto che la scelta di candidare Mercedes Bresso sia stata quella giusta.

Come si spiega allora questo risultato? Renzi avrebbe preferito che lei combattesse in prima fila…

Quando si perde per 10.000 voti su 2 milioni di elettori le ragioni sono molteplici. Paghiamo l’astensionismo e lo scarso radicamento che purtoppo dobbiamo registrare al Nord e, in generale, quando ci si allontana dalle aree metropolitane. A Torino infatti siamo fortissimi, mentre siamo deboli in provincia, ma questo non accade solo in Piemonte.
Sulla mia eventuale candidatura, nonostante quello che qualcuno dice, ho evitato di aprire una discussione, per non dare ai cittadini l’immagine di una politica attaccata alle poltrone. La Bresso aveva governato bene 5 anni e doveva ripresentarsi.

A proposito di Nord, da tempo lei parla di costruire un partito federale che sia in grado di competere con la Lega… 

 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO
 


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
01/04/2010 - Intervista a Chiamparino (Gianluigi Lonardi)

Scondo me per sapere come sarà il centro-sinistra invece di Chiamparino si deve interrogare Di Pietro. E' lui il più titolato ed ha abbastanza agressività e capacità per imporre la sua linea a tutti loro. La base dei partiti di sinistra si è evoluta e Bersani, Chiamparino & C. non se ne rendono conto.