BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISI PDL/ Alemanno: troppi tifosi e kamikaze. Formigoni: contiamoci

Pubblicazione:

Finicontrario_R375.jpg

CRISI PDL: Continua la girandola delle dichiarazioni degli esponenti del Pdl sullo scontro aperto tra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini. Le posizioni, come naturale, mutano a seconda della storia e delle appartenenze di ciascuno. Secondo Alemanno però ci sarebbero troppi "tifosi e kamikaze" in azione, che renderebbero le cose ancora più complicate.

In un'intervista a La Repubblica, il sindaco di Roma ha dichiarato: «dobbiamo distinguere quello che realmente si sono detti Fini e Berlusconi da quello che vanno dicendo gli altri, i tifosi e i kamikaze... Per noi che veniamo dalla destra questo scontro è molto lacerante e resto sconcertato quando vedo ex dirigenti di An così disinvolti nelle critiche a Fini. Io lavoro per evitare questa lacerazione. Detto questo, credo che il Pdl sia un grende progetto che deve essere portato avanti con serietà e se non c'è una soluzione immediata, solo un congresso può consentire un chiarimento definitivo».

Anche un altro ex colonnello di An come La Russa butta acqua sul fuoco: «Non è vero che Fini ha deciso di uscire dal partito». Un'ipotesi che il coordinatore non vuole neanche prendere in considerazione e che, in ogni caso, non lo porterebbe a uscire dal partito, anche se è pronto a dimettersi da coordinatore. La Russa è comunque favorevole alla costituzione di una corrente dei finiani, il cui peso verrà deciso dal congresso.


CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO



  PAG. SUCC. >