BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Folli: il bluff di Fini, un bel regalo a Bossi e Berlusconi

Pubblicazione:

FiniBerlusconiopposti_R375.jpg



Difficile dirlo, certamente conteranno di più rimanendo all’interno del Pdl, rischiano invece l’isolamento se decideranno di abbandonarlo. Per quanto riguarda i vecchi colonnelli, non è una scoperta che molti di loro oggi sono più vicini a Berlusconi che a Fini.

Ma all’esterno del centrodestra Fini ha trovato degli interlocutori interessati?

Tra i centristi dell’Udc emerge una evidente freddezza. Nel centrosinistra, invece, il dato politico che esce dal Pd è abbastanza sconfortante: nemmeno di fronte a una crisi così grave del Pdl, il Partito Democratico sembra in grado di trovare una posizione chiara e condivisa. Davanti alla scelta di cercare, o meno, il dialogo con Fini il partito si sfalda e si limita a sperare negli insuccessi degli avversari.

Dal Colle, invece, con quale spirito si osserva la situazione?

Napolitano da tempo cerca di favorire in ogni modo la stabilità del Paese. Sarebbe un vero peccato, effettivamente, sprecare l’occasione di centrare l’obiettivo delle riforme. Il fatto è che per una volta non sono tanto le forze che fanno resistenza al cambiamento a impedire questo risultato, quanto l’incapacità della politica di presentare un progetto chiaro.

(Carlo Melato)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
19/04/2010 - contrasto Fini-Berlusconi (CARLO ANTONIO CROCICCHIA)

Faccio onestamente molta fatica, da elettore, a capire l'autolesionismo del PDL, che è un controsenso mortale soprattutto nel momento in cui gli italiani dimostrano ampiamente di gradire un governo di centro-destra sia a livello nazionale che locale. Nè mi riesce di comprendere, se non come pretestuosa, la critica di Fini alla leadership di Berlusconi, bollata come assolutismo proprio da colui che si è sempre distinto come assoluto monarca dell'ex MSI-AN. Capisco la necessità di essere visibili e non perdere la leadership di un politico di lungo corso, ma non credo che nessuno possa accettare che la maggioranza si dissolva per questo. L'Italia ha troppe riforme importanti da fare. Adesso.