BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

IN MEZZ'ORA/ Gianfranco Fini: "Non fondo un partito e non mi dimetto da presidente della Camera. E la magistratura è baluardo della legalità"

fini-annunziataR375.jpg (Foto)

Il presidente della Camera ci tiene a ribadire che non si pente di quanto affermato nella Direzione nazionale del Pdl. E annuncia la sua ferrea volontà di continuare a fare il presidente della Camera e svolgere, contemporaneamente, attività politica. «Non mi sono pentito, credo che anche il premier si sia accorto che non potrà mai essere vero che il presidente della Camera si dimetta perché ha opinioni diverse dal partito e dal presidente del Consiglio».

 

Drastico il commento di Fini sull'eventualità di elezioni anticipate, ventilate da chi - in questo giorni - le auspica per risolvere i conti all'interno del Pdl . «È da irresponsabili il solo parlare di elezioni anticipate perché gli italiani non capirebbero», ha detto Fini. «Conosco Berlusconi e Bossi, so che entrambi sono coscienti che le elezioni in questo momento sarebbero il fallimento dell'attuale maggioranza, e metterebbero a rischio anche il federalismo, esponendo il paese ad un rischio enorme». Secondo Fini «Berlusconi ha una maggioranza come non si vedeva da tempo: ha il diritto di governare. Non ci saranno imboscate, noi saremo leali e faremo la nostra parte».

 

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO