BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Bersani (Pd): il mio patto repubblicano con Fini e Lega

BersaniPierluigiPD_R375.jpg (Foto)



Le proposte sono chiare e siamo pronti a discutere. Martedì, ad esempio, presenteremo un progetto sugli ammortizzatori sociali e lo metteremo ai voti. Se la destra si ricompatta e dice no, significa che non è cambiato niente e siamo davanti alle solite chiacchere di cui il Paese è stanco.
Parallelamente a questo patto repubblicano, a questo cerchio di relazioni legato al grande tema istituzionale, continua il nostro lavoro per la piattaforma dell’alternativa.

I risultati delle ultime elezioni le hanno fatto cambiare idea sulle alleanze o si continua come prima?


Il voto delle regionali ci ha portato delle delusioni, ma va valutato attentamente per non fare nuovi errori. Abbiamo pagato meccanismi di disaffezione, le eccessive aspettative della vigilia e qualche divisione di troppo nelle amministrazioni locali. Se traducessimo tutto questo nella “grande vittoria di Berlusconi” faremmo un errore clamoroso:  il Pdl perde 4 punti rispetto alle Europee e  subisce un’astensione forte, determinata dalla scarsa attenzione ai temi sociali.

Gli insuccessi al Nord hanno però fatto emergere la proposta di un nuovo partito a struttura federale…

Non mi convince il ritornello di un Pd che al Nord non esiste. Abbiamo perso la Regione Piemonte per 9.000 voti, non  siamo mica spariti. Ci sono delle difficoltà, dobbiamo migliorare il nostro radicamento sul territorio, riprendere il dialogo con il mondo delle piccole imprese, ma se leggiamo i risultati non sono così negativi.

A cosa si riferisce?


Rispetto alle Europee al Nord guadagniamo l’1,8%, il 2,5% nelle regioni rosse, mentre al Sud perdiamo l’1,5%.

Come si spiega questa sofferenza nel Meridione, nonostante la vostra forte opposizione alla Lega?

 


COMMENTI
26/04/2010 - Dialogo? (Vulzio Abramo Prati)

Il Segretario Bersani è anche simpatico con il suo accento e la bonomia emiliana, peccato però che la politica sia un'altra cosa! Dal PCI a oggi la sua formazione è quella che ha cambiato più volte nome, segretari, alleanze politiche ecc..., segno evidente che qualcosa tarda a funzionare. Mi fa piacere apprendere che la tanto vituperata Lega è un interlocutore credibile, anche nel 96 dopo la rottura con Berlusconi lo era, solo nei momenti di accordo con il Premier piovono le critiche! E cosa dire dell'interlocutore Fini? Lo "sdoganamento" politico dell'ex MSI è avvenuto a opera esclusiva di Berlusconi che ha inserito nella vita politica attiva tanti elettori che i vecchi partiti avevano "ibernato" con i loro leader! Questo sdoganamento, se ben ricordo, ha attirato le peggiori critiche al Premier proprio da quei politici che oggi guardano con interesse a questa parte della destra. La sinistra sta perdendo pezzi importanti tra i moderati proprio per delle alleanze assurde, come si può pensare di mettere assieme Rutelli, Lusetti, Binetti ecc... con Di Pietro? Aggiungere a queste alleanze anche Fini sarebbe proprio la "ciliegina sulla torta"!

 
26/04/2010 - Riforme? Quali? (sandra fei)

Caro Pier Luigi, dici di rifiutare il presidenzialismo, quando nella Bicamerale era una proposta anche vostra. Dici di avere un programma chiaro sulle riforme e parli di una nuova proposta sugli ammortizzatori sociali. Non c'è dubbio per alcuno che voi sappiate presentare mille proposte sugli ammortizzatori sociali e "fa politica" presentarla ora in una situazione di crisi. Vorrei proprio vedere da dove avete tirato fuori la copertura di bilancio..! Ma quali sono le idee per le riforme costituzionali? Nessuno, neanche la vostra base ne sa qualcosa. Non sarebbe una mossa intelligente dire: ecco qua, questo è quello che vorremmo noi? O temi che il tuo assemblamento ibrido di persone e partiti che nulla hanno da spartire tra loro si divida ancor più? In fondo, dopo gli anni che se ne discute, non sarebbe difficile fare un piano di presentazione, o no? Vuoi discutere con la Lega e con Fini? Allora Berlusconi è davvero la tua ossesione e non l'interesse del paese! Facci capire in cosa credi, perché anche i tuoi non lo capiscono più. E persino molti dei tuoi sono stufi di una battaglia che mira soltanto alla persona di Berlusconi. E sai una cosa? Non impicci neanche la maggioranza con questa frenesia anti-berlusconiana. Parli di progetto alternativo, ma qual'è? Far fuori Berlusconi? Una buona riflessione sarebbe chiedersi come mai più date addosso a Berlusconi, e più vi dividete e perdete voti. Vincere così contro di voi è quasi come rubare le caramelle ai bambini. Senza rancore.

 
26/04/2010 - Nanni (Emanuele Lanosa)

Bersani, di' qualcosa di sinistra!