BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIUSTIZIA E POLITICA / Finocchiario (Pd): Invece di ripresentare il Lodo Alfano, Silvio Berlusconi faccia le riforme

Pubblicazione:

Anna Finocchiaro (Pd)  Anna Finocchiaro (Pd)

 

“Non vogliamo nasconderci dietro a un dito - ha aggiunto Anna Finocchiaro -. Qui si stanno scontrando due visioni opposte dell'ordinamento forense, stante la necessità di riformarlo visto che la regolazione risale a 70 anni fa. Da una parte c'è l'idea che occorra conservare e presidiare l'esistente, intendendo la modernità solo come spostamento di poteri di organizzazione pubblica nelle mani del Consiglio nazionale forense, cioè del sistema o della casta o corporazione che dir si voglia. Dall'altra parte chi pensa che la regolazione delle professioni, la libertà di libera concorrenza, la promozione delle nuove generazioni possano essere quegli elementi di modernizzazione che possono consentire anche sotto questo profilo al nostro Paese di competere”.

“Questo naturalmente matura un giudizio politico sulla maggioranza e sulla sua volontà di conservazione - continua la presidente dei senatori del Pd -. Altro che modernizzazione, e per di più in uno dei settori più importanti della vita del Paese. Mentre le opposizioni vogliono consegnare all'Italia un sistema professionale, oggi con gli avvocati domani con i commercialisti, i farmacisti, i notai, che sia non solo aderente a quello che avviene nel panorama europeo, ma anche tale da smontare il potere della successione ereditaria e delle corporazioni, per consegnare nelle mani delle giovani generazioni gli strumenti per la loro crescita e per la crescita del Paese”.

“Il punto è questo - ha rivendicato Finocchiaro - ed è un punto di principio e politico sul quale siamo secondo noi chiamati anche a tornare in commissione”.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> PER ASCOLTARE L'AUDIO INTEGRALE DELLA CONFERENZA STAMPA DELLA CAPOGRUPPO PD ANNA FINOCCHIARO

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >