BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

GIUSTIZIA E POLITICA / Finocchiario (Pd): Invece di ripresentare il Lodo Alfano, Silvio Berlusconi faccia le riforme

Per Anna Finocchiaro, la prima riforma che arriva in Parlamento dopo le dichiarazioni del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è il Lodo Alfano costituzionalizzato. Ne prendiamo atto. Lo ha dichiarato la presidente del gruppo del Pd al Senato, commentando la notizia che a breve sarà presentato a Palazzo Madama un disegno di legge costituzionale

Anna Finocchiaro (Pd)Anna Finocchiaro (Pd)

“La prima riforma che arriva in Parlamento dopo le dichiarazioni del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è il Lodo Alfano costituzionalizzato. Ne prendiamo atto”.

Lo ha dichiarato Anna Finocchiaro, presidente del gruppo del Pd al Senato, commentando la notizia che a breve sarà presentato a Palazzo Madama un disegno di legge costituzionale che introdurrà uno scudo giudiziario per il premier, il presidente della Repubblica e i ministri. Un commento a margine della conferenza stampa sulla riforma della professione forense.

Per Finocchiaro questa è “la cartina di tornasole per valutare l'attendibilità del premier” sulle riforme. “Non abbiamo pregiudizi - ha precisato -, giudichiamo momento per momento, ma il primo momento è' negativo”.

La capogruppo del Pd al Senato ha sottolineato inoltre, quando le è stato fatto notare che il testo non è ancora stato presentato perché' manca l'accordo con la Lega nord, che “nella maggioranza c'è un gioco al rialzo e che la pace imposta da Berlusconi sarà contrassegnata da questo. La Lega mostra la volontà di alzare il prezzo, nelle coalizioni funziona così”. Insomma il potere del capo del governo non è più monolitico e dopo il gesto di Gianfranco Fini ora ciascun alleato si sente in diritto di alzare il dito per chiedere”. Uno scenario che secondo Finocchiaro potrebbe realizzarsi anche sulle intercettazioni: “E’ possibile ma non e' automatico, si tratta di processi complessi”.

CLICCA SUL PULSANTE >> PER LEGGERE LE PROPOSTE DEL PD SULLA RIFORMA DELLA PROFESSIONE FORENSE