BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

YOUTUBE BALLARO’/ Video – A Fini non piace l’inno del Pdl. “E le mie cravatte non sono indice di pericolose devianze ideologiche...”

C’è da scommetterci. Gianfranco Fini si alza al mattino e si chiede: “Come posso, oggi , fare imbestialire Berlusconi?”

FiniBerlusconiopposti_R375.jpg (Foto)

C’è da scommetterci. Gianfranco Fini si alza al mattino e si chiede: “Come posso, oggi , fare imbestialire Berlusconi?”. La sua tattica, oramai è nota. Basta dire pubblicamente tutto il contrario di quello che ha detto Berlusconi pochi minuti prima. E’ un’opera meticolosa, un lavorio da compiersi con acribia. Ma a Fini, riesce benissimo. Ospite della puntata di Ballarò di ieri, un Gianfranco Fini a tutto campo, è intervenuto su tutti i temi possibili immaginabili. Pdl, leadership di Berlusconi, magistratura, Lega, federalismo, fedeltà al capo e legittimo dissenso. Tutte cose che, il presidente della Camera Fini lo sa bene, provocheranno l’ennesimo maldipancia a Berlusconi. Tutti concetti, in ogni caso, in gran parte già noti e già espressi in questi giorni da Fini. Gianfranco Fini ha, infatti, contraddetto Berlusconi su tutto il contraddicibile.

Leggi anche: RIFORME/ Sartori sbaglia: confonde il nuovo federalismo con quello "costoso" del 2001, di L. Antonini

F- Ma, scervellandosi a fondo, un’altra cosa sulla quale Fini non aveva ancora contestato Berlusconi, alla fine, gli è venuta in mente: l’inno del Pdl; a Fini non piace. Non piace l’inno del suo partito. E, ovviamente, ha sentito il bisogno impellente di esternarlo pubblicamente. «L'inno non mi piace», ha detto Fini a Ballarò. Affrettandosi a puntualizzare che, per carità, «non per Silvio, ma unicamente perché un partito non ha bisogno di inni, in una fase come questa post ideologica. Siamo nel 2010, non negli anni ‘60»

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON IL VIDEO DI YOUTUBE DI FINI CHE AFFERMA CHE L’INNO DEL PDL NON GLI PIACE E PARLA DELLE PROPRIE CRAVATTE, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO