BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Mauro (Pdl): ecco come battere i cattolici adulti

Pubblicazione:mercoledì 7 aprile 2010

Spoglio_RegionaliR375.jpg (Foto)

Quando invece un cattolico è veramente adulto? Quando riconoscendo la presenza di Cristo dentro le circostanze della vita comincia a viverle non come un proprio progetto, ma obbedendo a ciò che dà consistenza al proprio tentativo di servire il popolo. Scappare da una situazione, seppur considerata insostenibile o peggio corrotta, non è quindi da cristiani, ma nemmeno da uomini.

 

Distruggendo una certa immagine della “mondanità”, la speranza cristiana ha infatti smascherato i vincoli che legano l’uomo al potere inteso come «speranza patologica», ossia totalitarismo. Perché i totalitarismi altro non sono che tentativi di realizzare prematuramente la speranza, di compiere in modo indebito il desiderio che anima nel profondo il cuore dell’uomo.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
07/04/2010 - come stanare i cattolici adulti (BRUNO LASI)

L'unica speranza di riannodare i legami affettivi e la condivisione della vita e quindi anche della politica nel mondo degli adulti cattolici l'abbiamo nell'invitarli a fare Scuola di Comunità con noi; lì potranno ritrovare la bellezza e la gioia di sentirsi appartenenti a Cristo Risorto e presente qui ed ora tra noi; perchè se la persona non cerca questo e se non fa esperienza di questo,non c'è speranza di addolcire le orgogliose differenze di orientamento, chè anzi si rafforzano, magari arrampicandosi sugli specchi, quasi fossero la prova di una presunta libertà di coscienza. E non c'è neanche la speranza che un cattolico si disponga a fare per la politica qualche sacrificio, di tempo, denaro, fatica, superamento di certi disaccordi, quindi anche per andare a votare. Neanche le massime autorità della Chiesa vengono più prese sul serio da questi orgogliosi. Questo mi suggerisce la mia lunga esperienza. Dio può tutto, ma il metodo di Gesù e quindi anche il nostro è vivere la misericordia, offrendo la barca buona; neanche coi parenti, nè con quanti pur mi stimano sono riuscito neanche a scalfire la libidine del "decido io per chi votare". Forse ci vorrà qualche generazione per arrivarci, ma la speranza di rivedere all'opera un popolo cattolico è fondata.Bruno Lasi

 
07/04/2010 - VERITA' (ROCCO CURTI)

Mauro è sempre grande,ha centrato il problema, queste osservazioni sono da divulgare molto spesso, per far crescere; nella politica c'è bisogno di umanità con fede,con forza e determinazioni, solo così si otterrano risultati sorprendenti per tutti,ance per i non credenti, perchè il messaggio di Gesù è un messaggio per vivere nel migliore dei modi e portandolo come impostazione politica si accorgeranno tutti della bellezza e della verità. FORZA MAURO

 
07/04/2010 - Qualche spunto di riflessione (PAOLA CORRADI)

La politica non è diversa dal mondo in cui si vive, è vero, esiste là come qua la corruzione ma anche la buona volontà e l'onestà. Però se nel popolo cresce la disillusione, forse qualche motivo ci sarà pure. Allora forse dovremmo fare qualche riflessione sui doppi, tripli, quadrupli incarichi nei CDA, nelle cariche di partito, nelle cariche istituzionali, quante persone in più potrebbero partecipare alla cosa pubblica se qualcuno rinunciasse ad avere enne incarichi? Tra l'altro in questo modo le cose si ripetono in un circolo chiuso dove difficilmente potrà arrivare novità. Diversamente, la cosa pubblica resa più trasparante a tutti, diventerà più apprezzabile e utile.