BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CASO ANEMONE/ Berlusconi: nessuna impunità per chi ha sbaglia, ma non si infanghino gli innocenti

Pubblicazione:

BerlusconiPensieroso_R375.jpg

SILVIO BERLUSCONI INTERVIENE SULLO SCANDALO ANEMONE: «È inaccettabile che l'elenco dei clienti di un'azienda venga presentato dai giornali come una lista di colpevoli - con queste parole il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è voluto intervenire in merito allo scandalo degli appalti legati al nome dell'imprenditore Anemone -. Nessuna indulgenza e impunità per chi ha sbagliato. Ma, smettiamola con queste assurde isterie, con queste liste di proscrizione che gettano aprioristicamente e indiscriminatamente fango su persone innocenti».

Mario Valducci, presidente della Commissione Trasporti della Camera, ha commentato: «Non si può avere paura di aprire i giornali per leggere liste i cui nomi hanno responsabilità tutte da accertare. Ma, al contempo, fa benissimo il Presidente Berlusconi a prevedere la tolleranza zero per chi ha sbagliato. Ora approviamo rapidamente il ddl anticorruzione».

Secondo Maurizio Lupi, vicepresidente della Camera, «Dal Presidente Berlusconi è arrivata la migliore risposta a quanti, cavalcando la propaganda mediatica, stanno cercando di destabilizzare il Paese. Il governo  saldo e va avanti deciso nell'opera di modernizzazione del Paese. Non solo, ma proprio in virtù della sua forza, è pienamente legittimato a colpire i fenomeni di corruzione e malaffare che verranno accertati dalla Magistratura. Non ci sarà nessuna impunità».

 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO



  PAG. SUCC. >