BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

YOUTUBE/ Video, Storace e la rissa sfiorata con De Luca al Consiglio Comunale: "Ti rompo figlio di..."

Pubblicazione:venerdì 14 maggio 2010

Storace1_R375.JPG (Foto)

STORACE - RISSA AL CONSIGLIO COMUNALE - VIDEO: Francesco Storace (La Destra) è stato protagonista di un tentativo di rissa al Consiglio comunale di Roma di ieri.

 

La discussione riguardava l'approvazione del progetto delle torri di Renzo Piano. In seguito all'intervento del consigliere comunale del Pd, Athos De Luca, Francesco Storace (La Destra) ha chiesto di poter parlare, ma la richiesta è stata respinta dal  presidente Marco Pomarici.

 

Storace non ci ha più visto e ha iniziato a indirizzare degli insulti contro De Luca che aveva chiesto le dimissioni dell'ex governatore del Lazio dal ruolo di presidente della Commissione Roma Capitale, dopo la condanna per la vicenda Laziogate. Come si vede nel video, sono volate parole grosse e una cartellina, poi Storace ha provato a raggiungere e aggredire l'avversario politico, ma è stato fermato dai suoi compagni di partito.

 

«De Luca ha un atteggiamento provocatorio ed è rimasto l'unico, insieme con la Mussolini, a fare contro di me un linciaggio quotidiano». Storace ha poi chiesto scusa all'Aula per il suo atteggiamento.

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE NEWS DI POLITICA 

 

Leggi anche: YOUTUBE COMINCIAMO BENE/ Video - “Ti spacco la faccia!”: Chicco Testa minaccia in diretta Mario Tozzi


CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER VISUALIZZARE IL VIDEO DELLA RISSA IN CONSIGLIO COMUNALE CON STORACE E DE LUCA


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
14/05/2010 - Comportamenti (Paolo Di Lorenzo)

mi chiedo come sia possibile che una persona anche se pur istigata possa arrivare a una reazione tale, per ruolo forse sarebbe stato meglio evitare o tutto al piu uscire ... una reazione tale fa solo danno x lui e per tutti, sarà estrema come posizione ... ma alcune reazioni dovrebbero essere valutate e presi provvedimenti adeguati ... alcune cariche non possono permettersi atteggiamenti e comportamenti simili.