BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MANOVRA/ Berlusconi a Mattino 5: "E' stato un provvedimento da padre di famiglia"

Berlusconi, a Mattino 5,  in un collegamento telefonico con Maurizio Belpietro, difende la manovra appena approvata dal governo

BerlusconiPensieroso_R375.jpg (Foto)

Berlusconi, a Mattino 5,  in un collegamento telefonico con Maurizio Belpietro, difende così la manovra appena approvata dal governo: «Abbiamo rimesso la barca sulla giusta rotta dando una risposta immediata ad una crisi improvvisa».  Ed aggiunge: «Non ha messo le mani nelle tasche degli italiani». Berlusconi, nel corso dell'intervento sulla manovra a Mattino 5, afferma che si tratta di una manovra efficace, e suggerisce, a chi la critica, di «leggerla con maggiore attenzione».

Durante il collegamento telefonico con Belpietro su Canale 5 il presidente del consiglio , Silvio Berlusconi, si è nuovamente soffermato sulla manovra appena licenziata dal governo. «Il nostro Stato costa troppo - ha spiegato il premier - per questo siamo intervenuti con la logica del padre di famiglia. Serviva una risposta immediata e il Governo l’ha data». Con la manovra, ha sottolineato ancora il presidente del Consiglio, «continueremo a restare tra i Paesi virtuosi in Europa anche perché negli ultimi due anni siamo stati i più bravi a tenere sotto controllo i conti pubblici» ed aggiunge «non abbiamo fatto nessuna macelleria sociale. Abbiamo solo preso provvedimenti inevitabili, poiché da anni l'Italia viveva al di sopra delle proprie possibilità». Precisa più volte Berlusconi, nel suo intervento, che la crisi che il paese sta affrontando è «senza precedenti» perché «c’è stato un attacco improvviso all’euro ai primi giorni di maggio che rischiava di colpire i ricavi delle imprese, le pensioni, i salari, rischiava di farci male ma io sono stato tra i primi premier ad intuire la gravità della crisi e a reagire». In seguito, sull’argomento riguardante la divisione con i finiani, afferma che non c’è mai stato dissenso nel governo e non ci sarà nemmeno in parlamento. «Il Pdl è assolutamente compatto e lo stesso presidente della Camera ha tenuto a rimarcarlo» inoltre «anche la Lega, come sempre alleato forte e leale, appoggia la manovra con convinzione».

Leggi anche: MANOVRA/ 1. Rossi (Pd): Caro Bersani, appoggia Tremonti e scarica la Cgil