BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SONDAGGI/ Piepoli: ecco perché a Berlusconi conviene tornare al voto

BerlusconiFiniOmbrello_R375.jpg(Foto)



Certamente sono state un brutto colpo perché stiamo parlando di un politico di peso e di uno dei ministri più importanti. Per ora non si registrano cali nel gradimento dell’esecutivo, che è buono e costante da parecchio tempo. Il fatto è molto recente, ma direi che in questo caso vale il detto “morto un Papa se ne fa un altro”. Il ministro apparteneva infatti alla categoria dei politici “controseduttivi”.

Cosa intende?

È una di quelle personalità della politica che, anche a causa della propria chiarezza, non è in grado di suscitare grandi amori nell’opinioni pubblica. Faccio un esempio. Gli italiani dimostrano di essere ancora molto sensibili sul tema del nucleare. Scajola non era certamente il politico più adatto a infondere sicurezza e a convincere la gente della bontà di una scelta energetica di questo tipo.

Passiamo al secondo partito della maggioranza, la Lega Nord. Ha ancora il vento in poppa come si è visto alle Regionali? È destinata a crescere ancora?


La Lega mantiene una fiducia considerevole tra le gente, soprattutto per la propria capacità di amministrare. Fino a quando continuerà così i risultati saranno sempre a suo favore. Penso che gli altri partiti dovrebbero imparare dal Carroccio. La gente chiede di potersi sentire al sicuro, vuole ordine nelle città e non sopporta il degrado e l’abbandono. Il partito è in forma e può permettersi anche qualche battuta di troppo sull’Unità d’Italia.

Un tema molto sentito dagli italiani?


Il 76% degli italiani è molto sensibile al 150° anniversario dell’Unità d’Italia, mentre il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che sta puntando molto su questa ricorrenza, è il settimo Re D’Europa.

In che senso?