BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ 2. Gibelli (Lega): la manovra salva i conti e ci regala il federalismo

tremonti_tasse2R375.jpg (Foto)



Non è detto. Una volta capito il reale stato di salute di ciascuna regione, chi non sarà in regola dovrà cercare di far dimagrire le proprie strutture, eliminando gli sprechi, esattamente come ha fatto Regione Lombardia con i procedimenti virtuosi di tutti questi anni. Se siamo riusciti a farlo noi, non vedo perché non potrebbero riuscirci gli altri.
Questa sperequazione deve finire, non ci sono alternative. O meglio, un’alternativa c’è.

Quale?

Il fallimento, nel vero senso della parola.

Secondo lei le circostanze stanno rendendo più urgente il federalismo, c’è invece chi sostiene che sia una rivoluzione troppo costosa nel breve periodo, da rinviare visto che si sovrappone alla manovra. Cosa risponde?

È la preoccupazione di chi ha paura di essere smascherato sul piano politico. Quando uscirà il provvedimento relativo avremo un prospetto chiaro, in termini ragionieristici, di chi è in regola e di chi dovrà mettere a posto i propri conti. Chi ha sperperato ha tutto l’interesse nel seminare terrore ingiustificato.
La verità è che, in un momento di crisi economica come quello che stiamo attraversando, l’unica strada possibile è la riduzione della spesa e la sua razionalizzazione attraverso parametri omogenei.

Per quanto riguarda il taglio delle province le posizioni sembrano invertirsi. La Lega si oppone, la sinistra le vorrebbe tagliare. Lo stesso Fini ne aveva fatto motivo di scontro con Berlusconi alla Direzione del partito. Perché siete contrari?

Perché riteniamo che la provincia sia il luogo dell’identità di un territorio. Ad oggi, molte competenze amministrative sono destinate a un organo intermedio che si colloca tra Regione e Comune. La nostra proposta è di potenziarle soprattutto su alcune materie esercitate in forma associata, in ragione del loro livello indispensabile, di quella visione d’insieme che i comuni non hanno. Riduciamo i costi facendole rendere di più, affidando loro alcune funzioni intermedie.

Cosa pensa della proposta di Formigoni di dare alle province il tempo utile per rimettersi in regola, dopodiché abolire con criteri di efficienza e non di grandezza?


 
 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO