BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BERLUSCONI/ A Sofia con Boiko Borisov: Tutte mi vogliono, sono simpatico, ricco e posso campare fino a 120 anni

Berlusconi ospite di Boiko Borisov, il primo ministro bulgaro, in occasione del suo compleanno, si è lasciato si è esibito in un teatrino che ha intrattenuto i commensali

berlusconi_dito%20suR375.jpg (Foto)

BERLUSCONI A SOFIA - Berlusconi ospite di Boiko Borisov, il primo ministro bulgaro, in occasione del suo compleanno, si è lasciato si è esibito in un teatrino che ha intrattenuto i commensali. Insieme a Berlusconi e Boiko Borisov era presente anche Vittorio Sgarbi

 

CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU BERLUSCONI


Leggi anche: SCENARIO/ 1. Violante (Pd): un "patto" con Tremonti per una Costituzione più federalista e liberale


Ha tenuto banco dall’antipasto al dessert ed è stato descritto come l’animatore del pranzo: Silvio Berlusconi è stato l’ospite d’eccezione del compleanno di Boiko Borisov, il primo ministro bulgaro. Un pranzo informale, animato da 9 ballerine e 4 cantanti, in cui è stato servito un agnello intero portato a spalla da quattro uomini. «Il mio amico Boris – ha detto Berlusconi - ha un solo difetto: è più grande di me, ma sono molto onorato di essere qui oggi perché è anche il suo compleanno». Berlusconi, nel corso della sua visita a Sofia, ha continuato il suo teatrino dichiarando «Da quando mi sono separato, ho la fila fuori. Tutte mi vogliono perché non sono scemo, sono simpatico, ricco e posso campare fino a 120 anni». Berlusconi, passando alla politica, si è detto «costretto a stare in campo perché il Paese ne ha bisogno, a sinistra sono divisi e manca un leader con cui confrontarsi». E, tornando sulla Costituzione, «godo dei pochi poteri – ha aggiunto - di cui gode il capo del governo limitato da una Costituzione figlia delle preoccupazioni derivanti dall’esperienza della dittatura fascista».

 

Leggi anche: SCENARIO/ 2. La Costituzione è una scusa: l’inferno di Berlusconi viene dai mercati, di A. Mangia

 


CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU BERLUSCONI