BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

CORRIERE/ Vittadini: privato in nome della pubblica utilità

Termini come “più società e meno stato” o “welfare sussidiario”, sono diventati di stretta attualità, tanto da meritare un dibattito su Il Corriere della Sera. L’Intervento, in merito,  di GIORGIO VITTADINI

operaio_pressa1R375.jpg(Foto)

Proponiamo l'articolo di Giorgio Vittadini pubblicato da Il Corriere della Sera sabato 26 giugno 2010 

Perché concezioni quali “più società meno stato” o welfare sussidiario sono diventate oggi di attualità, come mostra l’interessante dibattito che ha trovato spazio sulle pagine del Corriere? Un primo punto fermo appare l’esigenza di difendere quella tradizione europea che, a partire dalla centralità della persona umana, “unica e irripetibile”, ha costruito un sistema di welfare universalistico mirato all’offerta di un’ampia gamma di servizi pubblici disponibili per tutti i cittadini. Tenendo fermo l’obiettivo di non retrocedere da questa importante conquista civile, e avendo presenti le nuove esigenze di un mondo in rapido cambiamento, occorre far fronte alle due opposte concezioni di welfare presenti oggi.


In Italia, da più di due secoli, ha prevalso l’idea che un sistema di welfare universalistico potesse essere gestito solo da amministrazioni e aziende pubbliche, attraverso una forte programmazione dello Stato centrale. Tuttavia, negli ultimi decenni, a causa della crescente quantità e qualità dei bisogni della popolazione e per l’esplodere del debito pubblico degli Stati, tale concezione è andata in crisi, portando molti a ritenere che, anche nel welfare, debbano valere le regole di un mercato “selvaggio” guidato dalla sola logica del massimo profitto. E’ evidente che se questo sistema si affermasse, le società europee assumerebbero in pochi anni gli aspetti deteriori del mondo americano, con una inaccettabile e crescente contrapposizione tra ricchi e poveri.


A fronte di questa sterile contrapposizione tra logica pubblica e privata, è venuto il momento di sottolineare il valore del cosiddetto “welfare sussidiario”, quello cioè in cui trovano spazio i servizi delle realtà non profit, il cui ottimo aziendale consiste nel perseguimento di scopi sociali. I cittadini, in questi casi, sono titolari della libertà di scelta all’interno di una pluralità d’offerta governata dallo Stato (tramite meccanismi di accreditamento e valutazione che superino le asimmetrie informative) e finanziata redistribuendo le tasse (mediante voucher, doti, deduzioni e detrazioni fiscali, convenzioni etc..). In questo modo si otterrebbe il grande vantaggio della libertà di scelta degli utenti, tipica dei mercati, e quello della garanzia di servizi che rispondono ai bisogni elementari della popolazione.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO


COMMENTI
26/06/2010 - welfare sussidiario in Italia (nicola itri)

Quando questa concezione di welfare sussidiario, così ben delineata dal prof. Giorgio Vittadini, e che ora trova cittadinanza soprattutto in Lombardia, regione nella quale risiedo, verrà accolta e troverà ospitalità e riconoscimento giuridico in tutta Italia? Il presidente del Consiglio Berlusconi e i ministri Sacconi e Tremonti ci riflettano bene!