BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Folli: ecco il "tutti contro tutti" del post-berlusconismo

berlusconi_ppiano_cartaR375.jpg (Foto)



Intanto è evidente a tutti che ad oggi non ci sono possibilità reali di vedere un governo di unità nazionale. Casini però ha posto un problema e ha smosso le acque della politica italiana: l’opposizione ha dovuto svegliarsi dal torpore, mentre la Lega ha dimostrato di essere un partito nervoso, inquieto, certamente molto meno sicuro di quanto non lo fosse in passato.

Da cosa lo si deduce?


Piccoli e grandi indizi che dimostrano come la sua influenza non sia più così incontrastata: basti pensare alla battaglia di Formigoni, al cambio di rotta sul tema delle quote latte del ministro dell’agricoltura Galan o al dinamismo di Casini. Il cammino del federalismo si è poi decisamente complicato. Per il Carroccio è un momento di grande appannamento in cui sembra più difficile tenere a bada il proprio elettorato.

Dietro la proposta di Casini c’è Berlusconi? Crede a chi vede nell’operazione l’estremo tentativo di limitare Fini?


È un altro dei paradossi della maggioranza. Berlusconi vuole sicuramente recuperare Casini, ma questo desiderio si scontra con la realtà. Casini non è disponibile a un ingresso nella maggioranza, vuole la crisi di governo, ma Berlusconi non pensa proprio. a dimettersi L’idea che Berlusconi possa invece usare il leader Udc per limitare il Presidente della Camera non è più credibile.

Per quale motivo?

Casini e Fini non possono definirsi due alleati, ma oggi hanno sicuramente interessi convergenti. Berlusconi non può più metterli uno contro l’altro, come aveva fatto in passato.

Come si spiega?



 


COMMENTI
14/07/2010 - In politica non valgono le idee ma le persone (PAOLA CORRADI)

Forse Berlusconi avrebbe dovuto saperlo, che le idee non reggono e che sono le persone che portano avanti le idee. Tante belle teorie all'atto pratico crollano come castelli di carta. La manovra ad es. sembra essere, una teoria che male si applica alla realtà. Si scopre quindi una Lega ricca di ideali ma povera di contenuti! Tra l'altro del federalismo è rimasto solo l'aspetto meramente fiscale con regole di prelievo ancora Romane! E' la Lega che si è romanizzata o è Roma che si è leghizzata? Entrambi i casi mi sembrano comunque stonati!