BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Ostellino: la rivoluzione fallita di Berlusconi rischia di consegnare il paese ai nuovi "fascisti"

Pubblicazione:giovedì 15 luglio 2010

Foto: Imagoeconomica Foto: Imagoeconomica

Nella serata di ieri il sottosegretario all’Economia Nicola Cosentino, coinvolto nell’inchiesta sull’eolico, si è dimesso. È mio interesse tutelare il governo, ha detto. Diventa così ancora più aggrovigliato il momento di crisi che attraversano il governo e il partito di maggioranza: entrambi minati dalle indagini e dalle correnti interne, mentre appare in difficoltà la leadership di Berlusconi, che non riesce ad avere ragione di uno scenario sempre più frammentato e quanto mai incerto. Parla Piero Ostellino, editorialista del Corriere.

 

Prima Scajola, poi Brancher, ieri Cosentino. Le indagini puntano a isolare sempre di più Berlusconi?

 

Non credo. Sono casi giudiziari specifici che attengono a vicende complesse ma individuali. È evidente che siamo entrati in una fase segnata apparentemente dal declino di Berlusconi e dalla corsa alla successione. Anche se Berlusconi, a mio parere, non ha nulla da temere dai sommovimenti interni al suo partito. In realtà lo scacco del premier è più profondo e sta nell’aver ceduto alle logiche del paese corporativo.

 

In ogni caso il premier appare in difficoltà e non sembra capace di costruire una sintesi politica. questa crisi è causa o effetto dell’appannamento di leadership di Berlusconi?

 

Difficile dirlo. In realtà Berlusconi non è mai stato in grado di pervenire ad una sintesi, perché non ne ha la cultura politica. È uno straordinario uomo d’affari che ha governato e governa il paese con la sua leadership carismatica. Sul resto la mia posizione è nota: risultati parziali ci sono stati, ma Berlusconi non ha saputo realizzare la rivoluzione liberale, basata innanzitutto sulla riduzione dell’eccessiva pressione fiscale, che aveva promesso. A questo sostanziale fallimento ha tentato di sopperire con una politica dell’annuncio.

 

Lei ha scritto di recente che il paese è spaccato tra un’Italia progressista che invoca lo stato di polizia (“intercettateci tutti”) e una moderata che confida nel demiurgo. Se la rivoluzione liberale di Berlusconi è archiviata, cosa c’è al suo posto?

 

Il paese di sempre: lo stesso paese che nel 1943, all’atto della sfiducia di Mussolini, era in gran parte fascista e che il giorno dopo si ritrovò in gran parte comunista. Un paese che ha cambiato la casacca e il colore della camicia, ma che sotto è rimasto in gran parte quello di prima. Poco importa che si dichiari laico o democratico antifascista: il nostro resta tutto sommato un paese fascista.

 

E quale sarebbe la caratteristica del nostro fascismo?

 

Clicca >> qui sotto per continuare l’intervista

  


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
15/07/2010 - senza una coraggiosa visione strategica (Fabrizio Terruzzi)

Berlusconi ha rivoluzionato ben poco perché le rivoluzioni sono dolorose ed elettoralmente rischiose. La sua anima è populistica, un poco peronista, dei vantaggi senza sacrifici, del raccolto facile per tutti, senza una coraggiosa visione strategica. Es.: ridurre le tasse? Peccato che questo implichi la riduzione dei servizi erogati dalla Stato (come, quali), il riciclo nel privato di un mezzo milione di impiegati pubblici o ”clienti politici” e lo sviluppo di una decisa politica di promozione industriale perchè questi nuovi posti di lavoro si creino. Cosette da poco insomma. Per cui a parte il blà, blà, poco o niente. Peccato che dalla sinistra non ci si possa attendere niente di meglio.