BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

YOUTUBE ALDO BRANCHER/ Video - “Mi dimetto e rinuncio al legittimo impedimento”: l’annuncio durante l’udienza del processo Antonveneta

Aldo Brancher annuncia le dimissioni, Aldo Brancher si dimette da ministro della Devoluzione in seguito alle polemiche dei giorni scorsi

brancherR375.jpg (Foto)

Aldo Brancher annuncia le dimissioni. Aldo Brancher si dimette da ministro della Devoluzione in seguito alle polemiche dei giorni scorsi. Aldo Brancher ha annunciato le dimissioni nel corso dell’udienza per il processo Antonveneta che lo vede imputato per ricettazione e appropriazione indebita insieme alla moglie


Ha annunciato che si dimetterà, e lo ha fatto proprio nel corso del processo sul caso Antonveneta che lo vede imputato, lo stesso processo che è, secondo l’opposizione il motivo per il quale è stato nominato ministro. Così, Aldo Brancher, davanti al giudice monocratico di Milano Annamaria Gatto, dichiara l’intenzione di rassegnare le dimissioni da ministro per il decentramento e la sussidiarietà, rinuncia al legittimo impedimento e chiede il rito abbreviato. «Comunico in questa sede la mia decisione irrevocabile di dimettermi dall'incarico di ministro», ha detto Brancher. «Ho condiviso la decisione di dimettersi da ministro», ha chiosato Berlusconi. «Conosco – ha aggiunto - e apprezzo ormai da molti anni Brancher e so con quanta passione e capacità avrebbe potuto ricoprire il ruolo che gli era stato affidato». Secondo il presidente del Consiglio, «la volontà di evitare il trascinarsi di polemiche ingiuste e strumentali dimostra ancora una volta la sua volontà di operare esclusivamente per il bene del Paese e non già per interessi personali». Sarebbe stato lo stesso Berlusconi ad invitarlo a dimettersi, coscio che la mozione di sfiducia dell’opposizione avrebbe potuto nuocere agli equilibri della maggioranza e incrinare i rapporti con il capo dello Stato.

Leggi anche: SCENARIO/ Folli: solo un "governo" Napolitano può salvare Berlusconi


Leggi anche: SCENARIO/ La Lega cade nella "trappola" di Berlusconi e si scopre più divisa che mai