BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SONDAGGI/ Due sondaggi, uno politico elettorale, l’altro sulla condanna del senatore Dell’Utri

Pubblicazione:

sondaggi_R375.jpg

SONDAGGI POLITICO ELETTORALI – Due sondaggi, il primo a cura di AnalisiPolitica e diffuso da ADN Kronos il 4 luglio, il secondo di Digis Srl, diffuso all’interno del TG Sky del 5 luglio. Il primo a tema politico elettorale, il secondo concentrato sulla recente condanna del senatore dell’Utri. Nel primo sondaggio, effettuato su un campione di 800 persone, è stato chiesto se si preferisce che all’appuntamento elettorale ci siano due soli partiti o più partiti. Il 55,2% degli interpellati ha preferito i due soli partiti (nell’aprile 2009 era il 69,1% e nel febbraio 2008 il 75,7%). Il 32,7% ha risposto di preferire solo pochi partiti grandi (nell’aprile 2009 il 18,9% e nel febbraio 2008 erano il 10,1%). Il 9,4% ha detto di preferire tutti i partiti, anche quelli piccoli (percentuale rimasta pressoché uguale al 2009 – era il 9,7% - e al 2008 – il 7,0%).

Appare evidente che il sistema bipolare composto di due soli schieramenti politici sia in netto calo di preferenze. Lo stesso quesito è stato suddiviso poi in aree di appartenenza politica. Gli elettori dell’area della sinistra nella percentuale del 41,6%, hanno detto di preferire i due soli schieramenti politici. Quelli dell’Italia dei Valori sono stati il 35,4%; quelli del Partito democratico il 53,5%; quelli dell’UDC il 70,6%; quelli del PdL il 61,0%; quelli della Lega Nord il 47,1%; quelli di area Alleanza nazionale all’interno del PdL il 53,3%. Quelli di area Forza Italia il 63,6% e quelli di area DS nel Partito democratico, il 53,6%. Quelli che preferiscono solo pochi partiti grandi sono, nell’area della sinistra, il 47,7%; nell’Italia dei Valori il 19,8%; nel PD il 37,1%; nell’UDC il 28,8%; nel PdL il 29,7% e nella Lega Nord il 38,4%.



CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE I RISULTATI DEI SONDAGGI SUL SISTEMA ELETTORALE E SULLA CONDANNA DI DELL'UTRI


  PAG. SUCC. >