BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

MORTO COSSIGA/ Papa Benedetto XVI in preghiera, gli telefonò prima del ricovero

MORTO COSSIGA - PAPA IN PREGHIERA, LO CHIAMO' AL TELEFONO - Francesco Cossiga si è spento oggi all'età di 82 anni. Messaggi di cordoglio stanno giungendo da tutto il mondo politico in lutto.Si attende il messaggio di cordoglio della Santa Sede

benedettoXVI_ppianoR375_14mag09.jpg(Foto)

MORTO COSSIGA - PAPA IN PREGHIERA, BENEDETTO XVI LO CHIAMO' AL TELEFONO - Francesco Cossiga si è spento oggi all'età di 82 anni. Messaggi di cordoglio stanno giungendo da tutto il mondo politico in lutto. Si attende il messaggio di cordoglio della Santa Sede.

Papa Benedetto XVI aveva inviato nei giorni scorsi mons. Rino Fisichella al Policlinico Gemelli. per sincerarsi delle condizioni del Presidente e per portare il proprio saluto ai familiari. Il Papa è stato subito informato della morte dell'ex Presidente della Repubblica. I due si erano sentiti telefonicamente circa un mese fa. Benedetto XVI voleva conoscere le condizioni di salute di Cossiga.

La Radio Vaticana ha riferito che Benedetto XVI, si è ritirato in preghiera una volta ricevuta la triste notizia. «Il Papa - ha comunicato Radio Vaticana - è stato immediatamente informato della notizia della morte di Cossiga, avvenuta alle 13.18 di oggi al Policlinico Gemelli. Profondamente addolorato il Pontefice si è raccolto in preghiera. Pochi giorni fa mons. Rino Fisichella era stato incaricato dalla segreteria di Stato, a nome del Papa, di informarsi sullo stato di salute dell'ex presidente e si era recato in visita al policlinico di Roma».

Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, a nome dell'intera Conferenza episcopale, ha espresso «cordoglio e vicinanza ai familiari per la scomparsa del presidente Francesco Cossiga ed eleva preghiere di suffragio, ricordandone il profondo senso dello Stato e l'intensa esperienza di fede, testimoniata nei lunghi anni dell'attività accademica e dell'impegno politico. Egli ha servito il nostro Paese nei più importanti compiti istituzionali, in momenti assai delicati, sempre consapevole delle proprie responsabilità e attento al perseguimento del bene comune».

Francesco Cossiga, il ricordo di Renato Farina