BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 2. Cota (Lega): ecco perché non abbiamo fatto entrare l'Udc nel governo

Pubblicazione:

CotaRoberto_R375.jpg



Sulla manovra la mia posizione non è cambiata: quando la situazione impone dei tagli la classe dirigente se ne deve assumere la responsabilità. Per quanto riguarda il federalismo, l’obiettivo per gli enti locali è quello di non dover più scendere a Roma con il cappello in mano.

Cosa intende dire?


Siamo ancora in un sistema di finanza derivata. I territori, in pratica, chiedono a Roma la restituzione dei soldi di cui hanno bisogno. Lo Stato centrale elargisce, ma, in caso d’emergenza, taglia i trasferimenti. Questo meccanismo porta inevitabilmente all’impossibilità di fare una programmazione seria e alla deresponsabilizzazione.

Con la riforma federale, invece?

È  chiaro che se un governatore è a conoscenza di quante risorse rimangono sul proprio territorio, perché  dipendono dalla sua politica fiscale e da una quota di gettito che gli viene garantita, è certamente più responsabilizzato.
Diciamo che la crisi ci ha mostrato, in maniera ancora più evidente, quanto fosse necessario il federalismo fiscale. È davvero l’unica via per risollevare il Paese.

(Carlo Melato)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.