BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

CASINI/ Non mi piace lo squadrismo nei confronti di Fini. Berlusconi dia vita a un governo di responsabilità nazionale

 «Non mi piace lo squadrismo intimidatorio nei confronti del Presidente della Camera» ha detto Casini in difesa di Fini

casiniR375.jpg(Foto)

«Non mi piace lo squadrismo intimidatorio nei confronti del Presidente della Camera» ha detto Casini in difesa di Fini, attaccato di recente per la casa di Montecarlo finita nella disponibilità del fratello della sua compagna, Elisabetta Tulliani, regalata, ai tempi, da un’anziana signora ad An.

Casini si schiera in difesa di Fini. All’indomani della mancata sfiducia a Caliendo, il leader dell’Udc Pierferdinando Casini torna sulla spaccatura del centro destra, e appoggia il suo successore alla Camera dicendo: «Non mi piace lo squadrismo intimidatorio nei confronti del Presidente della Camera. Se uno è un delinquente, lo è sempre. Una persona non è delinquente se fa una scelta oppure santa se ne fa un'altra». Il riferimento è agli attacchi che in questi giorni stanno provenendo, in particolare da Il Giornale di Vittorio Feltri, al numero uno di Montecitorio. Attacchi che fanno riferimento ad una casa che una ricca e anziana signora avrebbe donato, ai tempi, ad An ed ora finita nella disponibilità del fratello di Elisabetta Tulliani, attuale compagna di Fini. Per Casini «un conto è la questione morale e la necessità di approfondire ma che tutto questo venga agitato come parte della contesa politica tra Berlusconi e Fini è una cosa degradante».


Leggi anche: SCENARIO/ Calderoli: senza Berlusconi, al voto in autunno

Leggi anche: SCENARIO/ Cirino Pomicino: ecco perché Berlusconi deve rifare la "Casa delle Libertà"