BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ 2. Da Berlusconi a Napolitano, tutti i "vorrei ma non posso" che frenano l'Italia

Voto anticipato: nessuno lo vuole.Tutti tirano la corda ma nessuno vuole spezzarla. E se uscissero allo scoperto i Casini e i Rutelli? Se ne vedrebbero delle belle. di MARCO ALFIERI

Foto Ansa Foto Ansa

Il chiasso davanti alle parole, il fumo davanti alle scelte per il Paese ma soprattutto la tattica, tanta, troppa, davanti alla strategia. La politica italiana di queste ore è peggio che un teatrino sgangherato. Si rincorre il fantasma del voto anticipato, in tanti lo evocano e lo vorrebbero, ma poi nessuno, per ora, ha il coraggio di staccare davvero la spina al governo. La ragione è molto pratica.

Il piatto è talmente intricato da confondere vantaggi e svantaggi di una crisi al buio. Il vorrei ma non posso è forse la fotografia più adatta a descrivere queste settimane di palazzi romani. Gianfranco Fini vorrebbe rovesciare il tavolo per imboccare un’altra idea di destra italiana, ma deve abbozzare e cautelarsi per non passare dalla parte del torto davanti agli italiani, non restare col cerino in mano, reo di avere infranto il patto con gli elettori, peccato supremo; Silvio Berlusconi vorrebbe andare alle urne immediatamente e rifarsi una maggioranza nuova di zecca senza più il fardello dei finiani ingrati, ma è frenato da sondaggi contrastanti che non gli garantiscono i numeri al Senato, gli restituirebbero un sud gambe all’aria senza più un egemonia granitica e un nord in cui si accentuerebbe il travaso interno verso la Lega.

Risultato: anche tornando a palazzo Chigi, regalerebbe la golden share al Senatur, sicuro. Così si acconcia suo malgrado al negoziato a oltranza con la “legione straniera”, tentando qualche pseudo abboccamento con esponenti “selezionati” dell’Udc per ricostruire un simulacro di maggioranza e sfangarla, arrivando dritto al 2013. Un vorrei ma non posso è anche quello di Umberto Bossi che crescerebbe sì in voti ma rischierebbe di trovarsi meno decisivo in un nuovo Parlamento dove i rapporti di forza non sarebbero così sbilanciati a destra.