BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ 1. Berlusconi sceglie la politica del "pallottoliere" ma i conti non tornano...

Da più parti viene criticata la cosiddetta "campagna acquisti" di Berlusconi per rinsaldare la maggioranza. Ma il premier è davvero sicuro - si chiede ANGELO PICARIELLO - che se andasse in porto l'operazione sarebbe davvero a saldo positivo?

Silvio Berlusconi (Imagoeconomica) Silvio Berlusconi (Imagoeconomica)

In pochi se sono accorti (ma sono convinto che se ne sarà accorto certamente Filippo Ceccarelli che prima o poi vi dedicherà una delle sue impareggiabili pennellate su Repubblica) che ci sono, allo stato, ben tre movimenti politici postdemocristiani a guida avellinese: la "Dc per le Autonomie" di Gianfranco Rotondi, l’"Alleanza di Centro" di Francesco Pionati e “Noi Sud” di Arturo Iannaccone, il meno conosciuto dei tre, ma che in Irpinia tutti ricordano come storico responsabile giovanile della Dc di De Mita.

La questione sarebbe degna o dei cultori della materia (come Ceccarelli) o di inguaribili provinciali (come chi scrive) se non fosse che il gruppo di responsabilità di cui si parla vede come principali protagonisti all’opera, o potenziali destinatari dell’iniziativa, proprio i suddetti esponenti irpini della maggioranza. Appunto, della maggioranza.

Pionati, eletto con un simbolo su cui campeggiava in rosso, in grande, la parola “Casini”, ha già da tempo virato verso la maggioranza, rompendo con l’Udc che l’ha candidato. Iannaccone che era nell’Mpa, ha fondato con Enzo Scotti il suo movimento proprio per restare nella maggioranza, di fronte alla virata verso il centro e verso il Pd del suo ex leader Raffaele Lombardo.

Per non dire di Rotondi, che al momento non è della partita, ma con Carlo Giovanardi sta seguendo l’evolversi dell’iniziativa per capire il da farsi. Dunque, ecco l’obiezione: se questo gruppo di responsabilità nasce per portare nuovi voti alla maggioranza né loro, né Nucara mi pare rappresentino nuovi apporti per la stessa, alla ricerca della famosa quota 316 che la renderebbe indipendente dai veti, e dai voti, di Gianfranco Fini.



 


CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO