BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MONTECARLO/ Diretta (Generazione Italia): Il video-verità di Fini sullo scandalo

Video: Gianfranco Fini romperà il silenzio con un videomessaggio sullo scandalo legato alla villa di Montecarlo, lasciata in eredità ad Alleanza Nazionale e, secondo le accuse, finita nelle mani del cognato di Fini, Giancarlo Tulliani, per un prezzo irrisorio

fini_mirabello2R375.jpg (Foto)

VIDEOMESSAGGIO FINI - (GENERAZIONE ITALIA - IL SECOLO D'ITALIA): Gianfranco Fini romperà a breve il silenzio sullo scandalo legato alla villa di Montecarlo, lasciata in eredità ad Alleanza Nazionale e, secondo le accuse, finita nelle mani del cognato di Fini, Giancarlo Tulliani, per un prezzo irrisorio. Il suo videomessaggio-verità verrà trasmesso sui siti di Generazione Italia e Il Secolo d'Italia.

IL DOCUMENTO: Fini si era immediatamente dichiarato all'oscuro di tutto, ma è stato accusato da alcuni testimoni di aver frequentato più volte l'appartamento. A complicare le cose il documento secondo cui Giancarlo Tulliani sarebbe dietro le due società off-shore a cui An avrebbe ceduto la villa.

IL MINISTRO DI SAINT LUCIA: Riguardo a questa lettera ieri sera il ministro della Giustizia di Saint Lucia ha dichiarato: "Si tratta di un documento confidenziale cha avevo inviato al Primo Ministro. Non ho idea di come sia potuto arrivare alla stampa". Il documento, stando alle sue dichiarazioni, sarebbe perciò autentico (video).

I FINIANI ATTACCANO: Secondo gli esponenti di Futuro e Libertà l'inchiesta sarebbe frutto di una macchinazione dei servizi segreti e della stampa legata al Presidente del Consiglio. Sul famigerato documento che le autorità di Saint Lucia oggi confermano Italo Bocchino, aveva comunque dichiarato: «Ciò che ha detto il ministro della Giustizia di Santa Lucia al Fatto Quotidiano non cambia il nostro giudizio sull'operazione di dossieraggio e sul fatto che si tratta di una patacca. Se, come dice qualcuno, ha la documentazione, visto che ne è in possesso, perché non la rende nota?».

LE PAROLE DI TULLIANI: Dopo circa 40 giorni di silenzio Giancarlo Tulliani ha voluto però parlare: «Ho con me il contratto d'affitto, il ministro di Santa Lucia può dire quello che vuole, ma la casa di Boulevard Princess Charlotte non è di mia proprietà». A questo punto non resta che attendere le parole del Presidente della Camera.