BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIRETTA/ Fiducia: 342 sì, i finiani sono indispensabili e annunciano un nuovo partito

Pubblicazione:mercoledì 29 settembre 2010

camera_R375.jpg (Foto)



MEZZOGIORNO - «Il Sud ha bisogno di regole, di rispetto delle regole e di un’adeguata dotazione di infrastrutture materiali e immateriali. Il Piano per il Sud dovrà rispondere parallelamente a queste fondamentali esigenze. Nei prossimi tre anni saranno investite nel Mezzogiorno le risorse per circa 21 miliardi di euro» ha dichiarato il Cavaliere rilanciando molte opere infrastrutturali tra cui la Salerno-Reggio Calabria e il Ponte sullo stretto di Messina.

INVESTIMENTO NEL NUCLEARE - «Dobbiamo fornire - ha continuato Silvio Berlusconi - ai nostri cittadini e alle nostre imprese fonti di energia economicamente convenienti, rispettose dell’ambiente e che nel contempo riducano la pericolosa dipendenza energetica del nostro Paese. E la sola risposta oggi è il nucleare, una sfida che dobbiamo perseguire con convinzione e determinazione».

SISTEMA EDUCATIVO - «Significa potenziare in modo sostanziale il nostro sistema educativo, a partire dalla scuola, fino all’università e la ricerca. L’eccellenza della filiera educativa è imprescindibile in un paese in cui l’unica materia prima sono i nostri giovani. E se non siamo in grado di valorizzare i nostri figli il nostro sarà un Paese senza futuro».

LITI INTERNE MAGGIORANZA - Un accenno infine alle liti interne alla maggioranza: «Perché allora nonostante questi risultati, sono sorte all’interno della maggioranza distinzioni e divergenze, che hanno condotto alcuni parlamentari del Pdl a formare un nuovo gruppo parlamentare?... Non vi è dubbio, che vi possa essere un necessario e legittimo dibattito all’interno dei partiti della maggioranza, discussione che può contribuire a mettere a punto una strategia più efficace nella risposta ai bisogni e di conseguenza capace di raccogliere un maggiore consenso».

PASSAGGIO CRUCIALE DELLA LEGISLATURA - «Ritengo - ha concluso Berlusconi - che i passi indietro determinati dalle vicende di questi ultimi mesi, non abbiano per nulla intaccato la validità di questo progetto, che è essenziale per il bene del nostro Paese. Perciò sono convinto che in entrambi gli schieramenti si possa e si debba proseguire nell’impegno di costruire, pur nel riconoscimento delle diversità e dell’autonomia delle molteplici forze politiche, delle alleanze di governo e non semplicemente dei cartelli elettorali. Il passaggio di oggi costituisce un punto cruciale della legislatura».

 

 

 

CAMERA - LA FIDUCIA AL GOVERNO - L'INTERVENTO DEL PRESIDENTE SILVIO BERLUSCONI E LE REAZIONI - CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO E ACCEDERE ALLA DIRETTA DEI LAVORI IN AULA


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >