BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VOTO/ 1. Consolo (Fli): ecco perché noi finiani daremo la fiducia al Governo

Pubblicazione:mercoledì 29 settembre 2010

finianiR400_4ott10.jpg (Foto)



Chi voterà in dissenso se ne assumerà le responsabilità, ma, ripeto, non credo che questo avverrà.

Secondo molti commentatori (e alcuni parlamentari) il voto segreto sul caso Cosentino era però riuscito a dividervi?


Guardi, io stesso avevo preannunciato un voto contrario all’utilizzo delle intercettazioni perché questa era stata  la posizione che avevo assunto in giunta, della quale sono vicepresidente. Ci ha pensato l’attacco de Il Giornale a farmi cambiare idea e a compattare il gruppo.

Da settimane i giornali parlano di un possibile allargamento della maggioranza che, se riuscisse, renderebbe i vostri voti superflui. Il governo può arrivare a quota 316 senza di voi?


È un’ipotesi surreale.

Se invece sarete determinanti?


Succederà una cosa molto semplice: il governo potrà andare avanti e rispondere alle aspettative degli italiani. Guardi, io sono tra quelli che auspicano una pacificazione politica nella maggioranza, non tanto sul piano personale, quanto su quello politico. Non dobbiamo mai dimenticarci che la nostra controparte è la sinistra.

A questo proposito, quanto hanno giocato i fattori personali nella divisione tra Berlusconi e Fini?


Purtroppo i “mettimale” sono sempre all’opera. Penso che i rispettivi falchi abbiano volutamente riferito all’uno e all’altro alcune frasi estrapolate dal contesto. Se a questo si aggiunge la campagna persecutoria portata avanti da giornali, che di certo non fanno capo a Fli, il gioco è fatto.

Nel caso di Futuro e Libertà spesso è difficile distinguere chi parla a titolo personale e chi invece lo fa a nome del gruppo. Chi può farlo tra di voi?

Gianfranco Fini.

Significa che tutti gli altri parlano solo a titolo personale?


 

 



FIDUCIA AL GOVERNO BERLUSCONI - INTERVISTA A GIUSEPPE CONSOLO - CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >