BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 1. Alemanno: sul quoziente familiare si gioca il governo

Pubblicazione:venerdì 3 settembre 2010

Gianni Alemanno (Imagoeconomica) Gianni Alemanno (Imagoeconomica)

 

E come la metterete con la componente prettamente laica? Della Vedova è uno dei molti nomi che non sarebbero del tutto d’accordo su quei valori. «Della Vedova, come altri, difende il suo punto di vista. Io sono però convinto - continua Alemanno - che nel Parlamento ci sia una maggioranza che la vede nel modo giusto. Su certi punti qualificanti come quelli che abbiamo detto vedo possibile una maggioranza anche trasversale, per esempio con voti che vengono dal centrosinistra. Ma secondo me già nel centrodestra ci sono i voti necessari per fare le scelte che vogliamo».

 

In caso di esito negativo di una verifica così importante, visto che si è escluso di allargare la maggioranza al centro, si tornerebbe a discutere di voto anticipato. «Per forza - conferma Alemanno -. Se non si riesce a ricompattare una maggioranza sicura e affidabile intorno al governo, è inevitabile andare alle elezioni, perché non si può governare con un cono d’ombra sul nostro percorso. Quindi o il consenso è effettivo e a settembre ci permette di costruire una maggioranza intorno al governo, oppure la strada delle elezioni è inevitabile. Poi in quella sede, nel momento in cui si fanno gli accordi elettorali, nulla vieta che Pdl e Udc possano accordarsi». Proprio Alemanno al Meeting di Cl a Rimini aveva detto che la convergenza sul programma è più importante di scelte disciplinari interne al partito. Fatta da un uomo dello zoccolo duro dell’ex An, può sembrare la disponibilità di chi vuole lasciare agli ex amici una porta aperta. «No - spiega Alemanno - mi interessa solo stabilire la giusta gerarchia delle cose importanti. Prima degli aspetti burocratici e disciplinari ci sono le scelte politiche. Se trattiamo per trovare una soluzione, prima vediamo come va la trattativa, e poi in base all’esito traiamo le conseguenze politiche e organizzative. Non ha senso fare il contrario».

 

Dunque le espulsioni (il “processo” a Granata, Briguglio e Bocchino, ndr) sarebbero un errore. «Sono un errore se vengono fatte contro l’intesa che stiamo cercando di costruire. Se invece il muro contro muro fatto dalla componente di Fini dovesse continuare, allora sarebbero inevitabili». Non parla invece il sindaco di Roma delle dimissioni da presidente della Camera di Gianfranco Fini. Come non dice nulla della vicenda di Montecarlo, che ha visto tutto agosto imperversare sui giornali il nome della compagna di Fini, Elisabetta Tulliani. «Oggi la priorità per l’Italia non è la presidenza della Camera ma il governo: se si dovesse andare al voto le Camere verrebbero sciolte e sarebbe quello, e non prima, il momento in cui parlare della presidenza della Camera». Mirabello? È una festa che Alemanno non attende con ansia particolare. «Francamente a me la festa di Mirabello non è mai piaciuta, e lo dicevo anche dentro An. Vi erano molto più legati Fini, Gasparri, La Russa. Era più una festa loro e non della destra sociale».

 

Sempre al Meeting di Rimini è stato proprio Alemanno a parlare di quoziente familiare: un provvedimento che da sempre è oggetto di controversie, dato anche il costo ingente che esso comporta, almeno in partenza. Chiediamo ad Alemanno se anch’esso è un impegno di tutto il governo, o rischia, come è già accaduto varie volte, di essere una proposta estemporanea. Alemanno lo esclude: «No, fa parte del documento che abbiamo votato tutti quanti come vertice del Pdl, cioè del documento programmatico con cui si va alla verifica. Sta a noi politici, ora, passare dalla promessa elettorale alla riforma effettiva».

 

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.