BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

ELEZIONI/ 1. Dall'Expo a Roma e ritorno: così Letizia Moratti tesse la sua "tela"

morattiR375.jpg(Foto)

 
Dato confermato dalle uscite del segretario regionale Udc Baruffi, che proprio in quei giorni si è affrettato a dire pubblicamente che l’Udc a Milano è storia a sé e non seguirà la linea nazionale, e riuscendo a far eleggere quale nuovo segretario cittadino il capogruppo a Palazzo Marino Pasquale Salvatore, morattiano senza se e senza ma.


Del resto, la Moratti dopo la conquista di Expo, ha portato a casa da Roma 1,5 miliardi di finanziamenti a fondo perduto - non succedeva dal dopo guerra - per costruire due nuove linee della metropolitana, e incassato l’approvazione del Pgt e di un bilancio che per la prima volta ha visto ridurre le spese degli assessori, dimostrando una tenuta della sua maggioranza consiliare che molti avevano ormai messo in dubbio.


È riuscita anche a piazzare Giuseppe Sala, suo ex braccio destro in comune e vicino a Tronchetti Provera, alla guida di Expo 2015 Spa, silurando uno Stanca che invero ormai nessuno sopportava più, lei per prima. Del resto Milano è una città esigente, difficile, di centro destra ma non leghista, un po’ chic e un po’ radical, e con i tempi che corrono, tra scandali, tangenti, P3 e ‘ndrangheta, trovare un sindaco dalla fedina penale immacolata, dalle ricchezze sufficienti a garantirgli la totale estraneità a qualsivoglia pensiero losco, con un parterre di rapporti internazionali da far invidia allo stesso Berlusconi, non è cosa da tutti i giorni.

 

(Lorenzo Fumagalli)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
09/09/2010 - Letizia Moratti NO GRAZIE (Luciano Broggi)

Vedo anch'io procedere la Moratti verso la candidatura, ma non credo nella sua reale ascesa in termini di consenso. Sta facendo come tutti la solita corsa dell'ultimo momento per recuperare una credibilità che ha perso. L'EXPO - di per sé un bellissimo successo per Milano - sarà come dotare un condominio di un parco meraviglioso, con verde, laghetti e attrezzature, ma lasciando lo stabile con tutti i suoi problemi che sono dietro la facciata e con i quali la gente ogni giorno si scontra. Dove è migliorata la qualità della vita a Milano? "Letizia Letizia" si gridava durante i comizi, ora dico: regaliamo Letizia all'ONU e De Corato a Roma! Inoltre in termini di gestione del Pdl, è anche qui applicato il metodo del principe Berlusconi che ha deciso tutto nella villa di Arcore. Ci sarebbero state molto bene delle primarie anche per il Pdl.