BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 2. Caldarola: Veltroni-Bersani, appuntamento al Lingotto per dirsi addio

Pubblicazione:

bersaniveltroniR400.jpg

In realtà, non avevano alcuna intenzione di dimettersi. Evidentemente ci hanno riflettuto e hanno preferito non rinunciare agli incarichi. Soffia un vento molto forte di elezioni anticipate, e le varie componenti preferiscono non abbandonare posizioni di comando.

 

Facciamo un passo indietro: non vede, quindi, tatticismi politici dietro l’annuncio di dimettersi?

 

Non credo che sia stato calcolato. Avevano rimesso il proprio mandato nelle mani di Bersani dopo che il vicepresidente del gruppo parlamentare, Gianclaudio Bressa, esponente dell’area che fa capo a Franceschini, li aveva sollecitati a farlo, per separare nettamente la nuova maggioranza Bersani-Franceschini, dalla minoranza Veltroni-Fioroni. E’ stata la reazione ad un momento di grande aggravamento dello scontro politico. Scontro che preannuncia conflitti molto aspri nel prossimo futuro.

 

Siamo nell’ambito della normale dialettica di partito o si arriverà ad una scissione?

 

Da tempo, in effetti, si susseguono voci di una spaccatura che porti ad una scissione. Al momento non credo che l’ipotesi esista, anche perché c’è di mezzo la possibilità dello scioglimento anticipato delle Camere. Il dato principale che è emerso dalla direzione di ieri è che lo scontro è diventato più netto.

 

Quando, quindi, tale scontro potrebbe acuirsi fino a portare al divorzio definitivo?

  


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
14/01/2011 - Divisioni interne di molto diversa gravità (attilio sangiani)

Il PdL " era " diviso. Con la uscita di G.Fini & C. mi pare più compatto,quasi come fosse PPI ( Partito Popolare Italiano ). Ciò favorisce la collaborazione con la UDC,unica vera erede del Partito Popolare sturziano. Invece il PD è irrimediabilmente diviso come se fosse il tentativo di fusione tra acqua ed olio. Sconta la perniciosa illusione di G.Dossetti ( leggere il libro del Card. Biffi ....),che pensava di "cristianizzare il materialismo dialettico e storico ",seguendo le suggestioni di A.Gramsci. Ormai l'ala di Veltroni/Gentiloni,ecc.,che raccoglie quanto rimane della corrente DC di sinistra,difficilmente potrà continuare nell'equivoco,dopo che ha subito la uscita di Veltroni,Binetti,Dorina Bianchi,ecc.