BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 2. Caldarola: Veltroni-Bersani, appuntamento al Lingotto per dirsi addio

Pubblicazione:venerdì 14 gennaio 2011

bersaniveltroniR400.jpg (Foto)

Si tratterà di vedere se, nell’assemblea nazionale convocata da Veltroni al Lingotto, l’ex sindaco di Roma tenterà di proporre una fisionomia del Pd diversa, con una diversa proposta di linea politica o se proporrà, invece, un altro Pd. Se le cose andranno in questo senso è chiaro che la spaccatura si aggraverà prepotentemente. Allora capiremo se ci troveremo di fronte ad un forte dissidio interno o in presenza di due partiti distinti.


La posizione tenuta da Bersani sull’accordo di Mirafiori ha inciso sulle vicende di ieri?

 

Bersani, a differenza di Veltroni, Chiamparino e Fassino, ha molto più nelle sue corde il tema del legame con il movimento sindacale. E non intende recidere i rapporti con un’area della sinistra con cui vuole dialogare. Veltroni si è caratterizzato, invece, come capo della componente del Pd che tende quasi a identificarsi con la posizione di Marchionne. Io credo, tuttavia, che anche in questo caso Bersani - devo dire con una certa timidezza - abbia cercato di affermare il profilo di una forza social-democratica che non si identifica col sindacato ma tende a riconoscerne le ragioni. Viene accusato, per questo di essere più a sinistra, ma penso che, in fondo, sia un “tranquillo” social-democratico.

 

L'emergere della spaccatura in seno al Pd potrebbe avvicinare la data delle elezioni?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
14/01/2011 - Divisioni interne di molto diversa gravità (attilio sangiani)

Il PdL " era " diviso. Con la uscita di G.Fini & C. mi pare più compatto,quasi come fosse PPI ( Partito Popolare Italiano ). Ciò favorisce la collaborazione con la UDC,unica vera erede del Partito Popolare sturziano. Invece il PD è irrimediabilmente diviso come se fosse il tentativo di fusione tra acqua ed olio. Sconta la perniciosa illusione di G.Dossetti ( leggere il libro del Card. Biffi ....),che pensava di "cristianizzare il materialismo dialettico e storico ",seguendo le suggestioni di A.Gramsci. Ormai l'ala di Veltroni/Gentiloni,ecc.,che raccoglie quanto rimane della corrente DC di sinistra,difficilmente potrà continuare nell'equivoco,dopo che ha subito la uscita di Veltroni,Binetti,Dorina Bianchi,ecc.