BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CASO RUBY/ Berlusconi non va dai pm milanesi. Attesa per oggi la nota dei legali

Pubblicazione:

Il Palazzo di Giustizia di Milano (Imagoeconomica)  Il Palazzo di Giustizia di Milano (Imagoeconomica)

CASO RUBY – BERLUSCONI NON VA DAI GIUDICI - Una nota dei legali di Berlusconi attesa per oggi spiegherà perché il premier non si recherà dai giudici di Milano per essere ascoltato in merito al caso Ruby.

 

Berlusconi, come è ormai noto, non si recherà dai pm milanesi per essere ascoltato in merito alle accuse di prostituzione minorile e concussione nell’ambito del caso Ruby. I giudici lo avevano invitato a comparire sabato, domenica o lunedì prossimi. Le motivazioni del forfait saranno, nel dettaglio, affidate ad una memoria difensiva redatta dagli avvocati del premier, Niccolò Ghedini e Piero Longo. In essa spigheranno perché la Procura di Milano non è competente a indagare sulla vicenda e perché, quindi, il presidente del Consiglio può non comparire legittimamente in aula.


Nella nota sarà spiegato, con ogni probabilità, che i giudici di Milano non hanno la competenza, anzitutto, territoriale. La Villa di Arcore nella quale, secondo le intercettazioni, si sarebbero consumati i festini si trova in provincia di Monza e, quindi, cade sotto la giurisdizione del tribunale monzese, così come si trova a Monza l’abitazione del capo di gabinetto del questore che fu chiamato a telefono da Berlusconi.


CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO


  PAG. SUCC. >