BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CASO RUBY/ Lettera aperta da parlamentari Pdl ai cattolici italiani

Pubblicazione:sabato 22 gennaio 2011

Foto: Imagoeconomica Foto: Imagoeconomica

«E intanto, il paese ha pagato e paga ancora oggi le conseguenze di indagini a senso unico che hanno azzerato il ceto politico moderato, rallentato e inibito la capacità decisionale delle pubbliche amministrazioni, indebolito la grande impresa italiana.

 

Adesso la carcerazione preventiva è stata sostituita dalla gogna preventiva. Si butta nella pubblica piazza con una violenza inusitata la presunta vita privata delle persone (presunta perché contenuti frammentari di intercettazioni e commenti di persone terze non offrono alcuna garanzia di veridicità), e la si chiama “trasparenza”.

 

Abbiamo bisogno di giustizia, una giustizia che sia però veramente giusta, che segua regole certe, assicuri l'inviolabilità dei diritti di tutti i cittadini compreso chi si trova ad essere oggetto di accuse, e offra le garanzie necessarie, a partire dall’imparzialità del giudice e dal rispetto del segreto istruttorio. Una giustizia nella quale i magistrati formulino ipotesi di reato e non si occupino di costruire operazioni finalizzate ad emettere sentenze di ordine morale.

 

Chiediamo a tutti di aspettare, di sospendere il giudizio, di non farsi trascinare nella facile trappola del processo mediatico e sommario al Presidente del Consiglio, e chiediamo che si rispetti una vera presunzione di innocenza nei suoi confronti, finché il percorso di accertamento dei fatti sarà completato. Ve lo chiediamo non solo perchè è un elementare principio di civiltà giuridica, ma anche perché noi all’immagine abietta del Presidente Berlusconi così come dipinta da tanti giornali non crediamo».

 

IL FINALE DELLA LETTERA, CLICCA SULLA FRECCIA


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
23/01/2011 - Se siete suoi amici... (Ambrogio Negri)

...dove eravate? Dov'era Ella, onorevole Lupi, mentre il premier veniva trascinato in queste festicciole così tristi - come ce le ha descritte Melania T. - ? Non siete suoi amici? E venite a far la morale a noi? Dov'era Ella, on. Formigoni, mentre il Suo leader veniva trascinato in un mondo così triste? In Sardegna? Vi rendete conto della VOSTRA responsabilità in tutto questo? Se foste suoi amici dovreste prendervi a cuore il suo destino, non interpellare noi che non facciamo parte del vostro mondo.

 
23/01/2011 - Ma non avete vergogna? (Giorgio Mancuso)

Seguite da anni un uomo che come minimo è un bugiardo. Le sue bugie sono sotto gli occhi di tutti e sono numerose. Chiedete tempo e assoluzioni anticipate invece di chiedere l'emergere della verità. La verità, per voi che siete uomini dello Stato, emerge nelle aule dei tribunali. E invece aiutate quest'uomo a sfuggire dal giudizio. Un uomo che non chiede neanche un perdono perché nega, contro ogni evidenza, di avere qualsiasi colpa. Questo è essere cristiani? Bell'esempio veramente! Complimenti!

 
22/01/2011 - Non sappiamo a chi credere... (Marco Claudio Di Buono)

..diceva una canzone di Biagio Antonacci che fotografa la situazione della maggioranza delle persone bombardate dalle notizie apparse su giornali, tv e Internet. Sono convinto che tutti, quindi anche il nostro premier, hanno pregi e difetti, fanno cose buone e errori madornali. Che ci sia in atto una vera e propria guerra per il potere è ormai chiaro, da un lato una parte della politica, dall'altra una parte della magistratura politicizzata e un'altra fazione che non trova un leader credibile. Sono quasi 20 anni che va avanti questo teatrino senza esclusione di colpi e intanto i problemi del paese non vengono risolti. Perché il punto è proprio questo, che siano vere o no le accuse a Berlusconi, la gente ha il problema del lavoro, di come mandare avanti la famiglia, ha il problema dell'educazione dei figli. Noi giovani del sud che speranze abbiamo? Manca il lavoro, mancano le risorse per aiutarci a costruire un futuro. Non vogliamo uno Stato che sia onnipresente in tutti i campi della nostra vita, ma che le istituzioni ci aiutino, favoriscano i giovani che vogliono fare impresa, che desiderano lavorare perché hanno vinto un concorso pubblico da anni e non sono assunti. Rimane l'amaro in bocca a sentire certe cose, perché l'Italia è fatta da tutti noi, cittadini e istituzioni, gente onesta e politici che si danno da fare. Ma in tutta questa confusione veramente non sappiamo a chi credere.