BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

150 ANNI UNITA’ D’ITALIA/ Il discorso di Napolitano: l’assenza della Lega non giova al federalismo

Pubblicazione:

NapolitanoDiscorsoCapodannoR400.JPG

150 ANNI UNITA’ D’ITALIA – IL DISCORSO DI NAPOLITANO - Il presidente della repubblica Giortno Napolitano ha aperto le celebrazioni del cento cinquantenario dell’unità d’Italia intervenendo a Reggio Emilia.

 

«Nel 2010 abbiamo ricordato la spedizione dei Mille e altri avvenimenti del 1860. Adesso dobbiamo ricordare come nacque l'Italia unita e dobbiamo farlo certamente senza indulgere a una visione acritica del Risorgimento, a una rappresentazione idilliaca»: lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano intervenendo a Reggio Emilia per la giornata i cui si sono inaugurate le celebrazioni ufficiali per i 150 anni dell'Unità d'Italia. Secondo Napolitano l’approccio corretto a tali celebrazioni è quello di chi assume un atteggiamento «non sterilmente recriminatorio e sostanzialmente distruttivo», «che ponga in piena luce il decisivo avanzamento storico consentito all'Italia dalla nascita dello stato nazionale» ma che non nasconda «contraddizioni e perfino storture» del processo.

 

In particolare, per il capo dello Stato, gli stessi «fondamenti identitari comuni», si sono delineati «attraverso un plurisecolare travaglio». Rivolgendosi alla politica, ai partiti di entrambi gli schieramenti, nonché a chiunque abbia responsabilità amministrative a qualsiasi livello, ha invitato a impegnarsi a fondo «nelle iniziative per il centocinquantenario, così da rendere davvero ampia e profonda la proiezione tra i cittadini, la partecipazione dei cittadini, in rapporto a una ricorrenza da tradurre in occasione di rafforzamento della comune consapevolezza delle nostre responsabilità nazionali».

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO



  PAG. SUCC. >