BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FIDUCIA ALLA CAMERA/ I dodici sbadigli di Bossi mentre parla Berlusconi (video)

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

Onestamente, non è stata proprio una bella figura quella che Umberto Bossi ha fatto oggi davanti alle telecamere. Cosa è successo? Mentre Silvio Berlusconi teneva il suo atteso discorso in richiesta del voto di fiducia sul governo dopo la grave situazione di crisi verificatasi negli ultimi gironi, il leader della Lega sedeva come sempre in questi casi al suo fianco. Ebbene, non sappiamo cosa abbia fatto ieri notte Bossi, ma sicuramente era molto stanco. Sta di fatto che, come ha contato il quotidiano Repubblica, il senatùr è scivolato in una sfilza di ben dodici sbadigli in sequenza. Mica pochi. Che fossero le parole del suo capo di governo ad annoiarlo? Non lo sappiamo: sta di fatto che il ministro Frattini, seduto all'altro fianco del premier, ha inutilmente cercato di richiamare Bossi all'ordine dandogli un colpetto sulla spalla: niente da fare, gli sbadigli sono continuati. In questo senso forse non ha avuto tutti i torti il segretario del Pd a definire penoso il discorso di Berlusconi? Scherzi a parte, le critiche alle parole del premier da parte dell'opposizione non sono mancate, anche se i deputati del centro sinistra avevano abbandonato l'aula durante il discorso. Per il capogruppo Fil alla Camera Della Vedova, i continui sbadigli di Bossi sono stati il miglior commento alle parole di Berlusconi. Che poi ha detto ancora: "Un intervento lunare cioè fatto da un premier sceso oggi dalla luna. I soliti impegni generici, considerazioni astratte, buoni forse per l'inizio della legislatura. Nessuna verità, nessuna novità, purtroppo". A proposito dell'uscita dell'aula, Pierluigi Bersani ha detto che non sono stati loro a sparire, come ha detto qualche esponente della maggioranza, ma Berlusconi è sparito, con un discorso di parole al vento senza poi rispondere alla precisa richeista del capo dello Stato sula capacità di governare. Secondo Enrico Letta invece il discorso di Berlusconi ha un fine unico, le lezioni anticipate a marzo, mentre l'uscita dall'aula delle opposizioni ha dimostrato la loro unità e la loro forza come alternativa.

 


 



  PAG. SUCC. >