BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DOPO TODI/ Se il contributo dei cattolici non è uno sforzo etico…

Il Cardinale Angelo Bagnasco (Ansa) Il Cardinale Angelo Bagnasco (Ansa)

Ritengo che questa tentazione sia menzognera e che la storia abbia più volte dimostrato come il punto di salvezza di un popolo non nasca mai da un progetto frutto della presunzione dell'uomo. Al contrario, la rigenerazione scaturisce da un avvenimento che diventa storia, nella sua capacità di comunicare una positività vissuta, di generare opere che nel loro "tentativo ironico" cercano di rispondere ai bisogni della vita e di dialogare con le istituzioni politiche, in forza di un bene comune vissuto e sperimentato nella vita di ogni giorno.
Come è possibile pensare che possa nascere una nuova classe dirigente nel nostro Paese se non rinasce una umanità capace di riscoprire il proprio vero volto umano e in grado di tendere ad ideali veri e profondi?
Ma siamo così ingenui da credere che una nuova morale pubblica possa nascere da un rinnovato sforzo etico, da nuove prescrizioni e  conseguente repressione, e non invece da una continua tensione a riconoscere il vero e il bello in una amicizia, che ci sostenga in una  continua ripresa e correzione, al di la di ogni nostra presunzione di pensiero e di sforzo di coerenza?
Consapevoli della nostra debolezza e fragilità, ma instancabilmente protesi verso il vero, il bello e il buono, abbiamo incontrato la scoperta del nostro volto umano grazie all'incontro con l'avvenimento cristiano che ci rende, come dice T.S. Eliot, "bestiali come sempre, carnali, egoisti come sempre, interessati e ottusi come sempre, eppure sempre in lotta, sempre a riaffermare, sempre a riprendere la marcia sulla via illuminata dalla luce; spesso sostando, perdendo tempo, tornando, eppure mai seguendo un’altra via”.

La prima vera sfida per noi cattolici è che siamo chiamati a vivere la nostra fede come testimonianza pubblica, cioè a diventare sempre più una presenza nella società, vivendo quelle dimensioni della gratuità e fraternità nella quotidianità della vita.