BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Caldarola: il Pd rischia l'"esplosione"

Pubblicazione:sabato 22 ottobre 2011 - Ultimo aggiornamento:sabato 22 ottobre 2011, 9.14

L'intervista a Peppino Caldarola L'intervista a Peppino Caldarola


Certamente. Massimo D'Alema e Pierluigi Bersani si collocano insieme a Stefano Fassina in un'area cosiddetta di sinistra, che si riferisce alla socialdemocrazia, ma in questo caso “molto establishment”; Veltroni e Giuseppe Civati rappresentano una sorta di “nuovelle vague” dell'Ulivo, Matteo Renzi, liberista e “rottamatore”, è una specie di guastatore che ha una enorme capacità comunicativa. Questo è il quadro del partito così come lo vedo e come mi appare.
Naturalmente le tre aree sono in competizione tra loro e non si lesinano dispetti reciproci. Il risultato è che il Pd sembra come una “pentola di fagioli”, che cuoce a fuoco lento.

Scusi, Caldarola, ma questo è il massimo di sinistra politica, non inoltriamoci nella prepolitica o nella concitazione demagogica, che offre il maggiore partito di opposizione? Ci sono disoccupati, precari, lavoratori in ansia, famiglie in difficoltà, ceti medi impoveriti, piccole medie aziende furibonde per le manovre ritardate contro la crisi ecnomica o per il sistema bancario italiano. E il Pd non riesce a entrare in sintonia con tutto questo o almeno con una parte di tutto questo?

Mi dimenticavo di aggiungere che la “pentola di fagioli” cuoce in perfetta autocombustione. Quello che accade nella realtà, al di fuori di questi scontri fra le tre aree, non sembra interessare nessuno. Non c'è alcuna comunicazione fra queste nuove “anime” del Pd e i movimenti che stanno manifestandosi o che si possono vedere nella società italiana. È evidente che un discorso di questo tipo, quello che sto facendo, mi fa pensare che alla fine il Pd potrebbe anche svanire nel nulla, sparire.

Ma a questo punto come finisce l'opposizione italiana di fronte a questa maggioranza che è pure frantumata e spesso sembra che stia insieme perchè è appiccicata con lo scotch?

Credo che alla fine la partita nel Pd se la giochino da un lato l'area di Bersani e D'Alema e dall'altro quella di Matteo Renzi. Ma già immagino quale serie di manovre si metteranno in atto, magari sotto la regia dello stesso D'Alema.
È probabile che, nel rappresentare un cartello unito di sinistra in vista di elezioni, le due aree si elideranno a vicenda. Il risultato sarà che il rappresentante della sinistra nello scontro elettorale diventerà Nichi Vendola, anche simpatico, ma sicuramente perdente.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.