BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LISTA MINISTRI MONTI/ Caldarola: il governo tecnico di Napolitano inguaia Bersani

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

NOMINA MINISTRI GOVERNO MONTI: UN GUAIO PER BERSANI. Corrado Passera, (Intesa Sanpaolo) allo Sviluppo economico e alle Infrastrutture; Lorenzo Ornaghi, (Cattolica), ai Beni culturali; Andrea Riccardi (Sant’Egidio) alla Cooperazione internazionale; e Antonio Catricalà, (Antitrust), come sottosegretario della Presidenza del Consiglio. Esclusi loro, la lista dei ministri letta da Mario Monti è costituta da nomi del tutto ignoti, salvo agli addetti ai lavori. “Tecnici”, per l’appunto. La loro scarsa fama alimenta la curiosità relativa ai propri “sponsor”. Non essendo direttamente collegabili ad alcun gruppo parlamentare, è difficile capire se la loro nomina sia il frutto di pressioni provenienti dai partiti. Secondo Peppino Caldarola, opinionista esperto di questioni politiche contattato da ilSussidiario.net, «pare che non ci sia alcun nome riconducibile al Pd; credo, in sostanza, che Bersani non sia riuscito a spuntarla su nessuno». Con qualche forzatura, «l’unico nome ascrivibile all’esperienza di centrosinistra potrebbe essere quello di Piero Giarda, neo ministro per i Rapporti con il Parlamento, personaggio molto legato all’ex premier Romano Prodi. Possiamo, poi, definire - ma con molto coraggio - “di sinistra” Fabrizio Barca, alla Coesione territoriale». In realtà, in molti hanno sempre associato anche Passera al centrosinistra.

«E’ un protagonista dell’economia italiana che, in effetti, viene considerato generalmente come manager di centrosinistra; tuttavia, la sua personalità è tale che difficilmente è riconducibile a logiche di partito. Direi che neanche questa nomina ha le caratteristiche per poter essere messa in relazione con il partito di Bersani». Secondo Caldarola, «possiamo veramente dire che si tratti del governo del Presidente, costituito da ministri effettivamente tecnici, nonché dotati di una certa caratura professionale e intellettuale. Un esecutivo del tutto sganciato dalla politica». Il Pd, a questo punto, avrà il suo bel da fare. «La situazione politico-sociale, nei prossimi mesi, sarà parecchio effervescente. Il governo dovrà adottare misure severe e, di conseguenza, potrebbe trovarsi in rotta di collisione con i sindacati. Di certo, Nichi Vendola e Antonio Di Pietro punteranno a mantenere con le associazioni dei lavoratori ottimi rapporti; il che potrebbe determinare per Bersani alcune difficoltà». Si potrebbe, infatti, trovare tra incudine e martello. «Dovrà essere leale con il governo e tenersi stretti gli alleati».


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
17/11/2011 - E Renato Balduzzi? bindiano autore dei DICO? (Paolo Melacarne)

In tempi.it trovo scritto quanto segue: Renato Balduzzi ha già lavorato in un ministero della Salute con Rosy Bindi. Ed è proprio allora che ha guidato la squadra che si è occupata della stesura del disegno di legge sui cosiddetti Dico, "Diritti e doveri delle persone stabilmente Conviventi", che doveva stabilire diritti e doveri delle coppie non sposate, ma conviventi, che si registravano all'anagrafe. ... Balduzzi ha anche espresso a suo tempo le sue idee sul caso di Eluana Englaro. Per il costituzionalista, non bisogna «farne materia di conflitto tra magistratura e politica. Da costituzionalista, mi sembra azzardata e anche un po' pericolosa l'ipotesi di conflitto di attribuzione». «La sentenza della Corte di Cassazione non crea nessun vulnus nelle prerogative del Parlamento» continuava. «La norma, per un caso limite come quello di Eluana, non risolverebbe tutto. Il nodo è in quelle "direttive anticipate" che nel nostro paese non hanno ancora valore legale. L'iter del testamento biologico è quindi da portare a compimento. Se oggi si procede a colpi di sentenze è perché fino ad ora è mancata una sintesi. Bisogna in ogni caso garantire una periodica verifica delle volontà del soggetto»