BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELENCO MINISTRI MONTI/ Chi è Piero Giarda, ministro per i Rapporti con il Parlamento

Figura di spicco del mondo accademico del nostro Paese, aveva curato  il coordinamento di uno dei tavoli di studio in merito all'analisi della spesa pubblica e della riforma fiscale

Piero Giarda - Foto Ansa Piero Giarda - Foto Ansa

GOVERNO MONTI: ECCO CHI E' IL NUOVO MINISTRO PER I RAPPORTI CON IL PARLAMENTO PIERO GIARDA - Piero Giarda è stato nominato Ministro per i Rapporti con il Parlamento nel nuovo governo guidato dal senatore professor Mario Monti: si tratta di un ruolo delicatissimo e strategico, a fronte di un esecutivo composto da tecnici.

Giarda sarà il mediatore di Monti, forte della sua estesa conoscenza della macchina parlamentare e dei suoi ingranaggi. Figura di spicco del mondo accademico del nostro Paese, Piero Giarda aveva curato - di recente - il coordinamento di uno dei tavoli di studio in merito all'analisi della spesa pubblica e della riforma fiscale.

Nato nel 1936 - milanese - laureato in Economia e commercio presso l’Università Cattolica della sua città nel 1962, ha in seguito perfezionato i suoi studi nelle prestigiose università americane di Princeton e Harvard.

È un grande e stimato esperto economista, soprattutto nel campo della finanza pubblica.

Ha insegnato Scienza delle finanze e Diritto, sia presso l’Università degli Studi della Calabria sia all’estero, presso l’autorevole Università di Harvard, negli Stati Uniti. Tra i suoi studi e le sue materie d’insegnamento, va inoltre segnalato il suo lavoro nel campo dell’Economia politica, economica e finanziaria, nonché dell’econometria (branca della statistica che verifica, in chiave scientifica,  fenomeni economici formulati teoricamente). Presso l’Università Cattolica di Milano è stato nominato professore ordinario di Scienza delle finanze. Fino ad oggi è stato titolare del Laboratorio di Analisi Monetaria dell’Università Cattolica ed ha lavorato per la stessa università, di concerto con la Regione Lombardia, sul federalismo fiscale.

È stato consulente presso la Presidenza del Consiglio e presso il ministero delle Finanze, dirigendo la Commissione tecnica per la Spesa pubblica presso il ministero del Tesoro, negli anni che vanno dal 1986 al 1995.

È stato - inoltre - Sottosegretario al ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione economica, in tutto il periodo compreso fra il 1995 e il 2001, sia nell’esecutivo Dini, sia nella compagine del primo mandato a Prodi, sia nei due governi D’Alema, che nel secondo mandato ad Amato.

Fino ad oggi ha ricoperto anche incarichi eterogenei, come la vice - presidenza della Fondazione Milano per la Scala e ha fatto parte del Consiglio di amministrazione del Teatro dell’Opera a Roma. È stato pure alla presidenza della Banca Popolare Italiana.

Si occupa - di tanto in tanto - di redigere articolo riguardanti il suo campo scientifico, sia per Il Sole 24 Ore che per Italia Oggi.