BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

DOPO BERLUSCONI/ Napolitano nomina Monti senatore a vita

Mario Monti è stato nominato senatore a vita dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Un segnale del Quirinale in un momento cruciale, all'indomani delle dimissioni di Berlusconi

Mario Monti (Imagoeconomica)Mario Monti (Imagoeconomica)

Mario Monti è stato nominato senatore a vita dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. La notizia, di pochi minuti fa, sta rimbalzando su tutti i media. Non si tratta infatti di una nomina di rito, ma di uno dei nomi più accreditati per la guida di un governo tecnico all'indomani delle dimissioni del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.
Ieri, infatti, il premier era salito al Colle dopo aver verificato, durante il voto sul rendiconto dello Stato alla Camera, di non avere più una maggioranza sufficiente a governare (i voti favorevoli sono stati infatti 308, mentre 321 deputati dell'opposizione si sono astenuti).
Le dimissioni di Berlusconi sono state confermate oggi sia nelle interviste rilasciate dal premier, nelle quali trapelava però un certo scetticismo sulle consultazioni e sulle reali possibilità che si potesse formare una maggioranza alternativa all'attuale governo, sia nella nota del Quirinale di questa sera.
E così il Capo dello Stato ha voluto chiarire che "non esiste alcuna incertezza sulla scelta del Presidente del Consiglio di rassegnare le dimissioni del governo da lui presieduto". "Tale decisione - ha proseguito Napolitano - diverrà operativa con l'approvazione in Parlamento della legge di stabilità per il 2012; sulla base di accordi tra i Presidenti del Senato e della Camera e i gruppi parlamentari sia di maggioranza sia di opposizione, la legge sarà approvata nel giro di alcuni giorni".
Le consultazioni non lasceranno perciò in sospeso il Paese troppo lungo e, soprattutto, condurranno a una soluzione chiara: o nuovo governo o voto.
Dopo un'ora circa il nuovo annuncio: «Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha nominato oggi Senatore a vita, ai sensi dell'articolo 59, secondo comma, della Costituzione, il professor Mario Monti, che ha illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo scientifico e sociale. Il decreto è stato controfirmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, onorevole dottor Silvio Berlusconi. Il Presidente Napolitano ha informato della nomina il Presidente del Senato della Repubblica, senatore avvocato Renato Schifani. Il Capo dello Stato ha dato personalmente notizia della nomina al neo Senatore Mario Monti, porgendogli i più vivi auguri. 


COMMENTI
10/11/2011 - Speriamo bene (Franco Labella)

Ed ora c'è solo da sperare che non inizi una campagna di delegittimazione della figura dei senatori a vita. Ricordo ancora con disgusto gli ignobili commenti di alcuni esponenti della ex-maggioranza di governo indirizzati a Rita Levi Montalcini. E ricordo con ancor più forte sorpresa le posizioni di esponenti del centrodestra che hanno teorizzato, nel recente passato, una sorta di deminutio dei senatori non elettivi. Figli di un dio minore solo per quelli che non conoscono la Costituzione ed hanno fatto sì, col riordino gelminiano che ha eliminato alle superiori lo studio del Diritto e dell'Economia, che non la studino e conoscano manco gli studenti italiani. Speriamo che le dimissioni del Governo portino a cambiamenti profondi anche per la scuola oltre che per l'economia e la politica del Paese. Franco Labella - Coordinamento nazionale dei docenti di Diritto e Economia