BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

ICI E CHIESA/ Dalla Torre: ma quale Ici, le chiese non sono del Vaticano

Il Duomo di MilanoIl Duomo di Milano

Ma la Chiesa paga già per le attività commerciali. E’ quindi una polemica, o una precisazione, inutile da questo punto di vista. Laddove ci sono delle attività commerciali chiaramente l’imposta è dovuta anche con la normativa vigente.

 

I radicali hanno puntato il dito contro le attività commerciali “travestite” da luoghi di culto. La ritiene una notizia fondata?

 

Sorprende un po’, perché evidentemente non è la cappellina nell’albergo che cambia la destinazione di quell’immobile a un’attività di carattere commerciale. Se ci sono delle situazioni di non corrispondenza alla norma, questo implica una violazione della legge. E quindi ovviamente vanno rilevate e perseguite.

 

Avrebbe senso ridiscutere l’esenzione per tutte le attività non profit?

 

No, e per una ragione molto semplice: le attività non profit, siano esse realizzate dalla Chiesa cattolica, da altre confessioni religiose o da istituzioni civili e laiche, hanno una funzione sociale e quindi sollevano lo Stato e gli altri enti pubblici da oneri che sarebbero certamente più gravosi. Il non profit infatti è costituito prevalentemente, se non esclusivamente, da volontariato, che non costa nulla. D’altra parte si tratta di servizi che per le modalità con le quali sono prestati favoriscono una umanizzazione all’interno della società, cioè fenomeni di crescita dei rapporti di solidarietà che sono fondamentali per tenere legata la base sulla quale si fonda lo Stato.

 

La crisi si può sconfiggere facendo pagare l’Ici alla Chiesa e al non profit?

 

Non direi proprio che la crisi possa essere risolta cancellando l’esenzione Ici, anzi in questo modo si aumenterebbero i problemi, perché ci sarebbero fasce della popolazione che sarebbero ulteriormente emarginate. Tutti ne risentirebbero, perché l’esenzione o vale per tutti gli enti non profit o non vale per nessuno: la questione quindi non è la Chiesa. E comunque basta prendere l’esempio delle mense dei poveri della Caritas o della comunità di Sant’Egidio. Poniamo che siano costrette a pagare l’Ici e ciò impedisca l’esercizio del servizio: in questo modo si perderebbe la mensa e quindi coloro che ne beneficiavano si troverebbero ad avere un servizio in meno.

 

Perché la Chiesa è esentata dall’Ici e i sindacati e i partiti invece devono pagarla?


COMMENTI
12/12/2011 - di benedetto (Paolo Cantoni)

l'ideologia acceca mente e buon senso. se tutte le opere di carità che fa la chiesa cattolica chiudessero lo stato sociale salta e il signore un po' rancoroso dovrebbe supplire con i suoi soldi con tasse sempre più alte. si informi meglio su come la chiesa paga l'ici

 
11/12/2011 - il vaticano paghi l'ici (alessio di benedetto)

Se si rastrellassero ogni anno i 13 miliardi di euro che un sottogoverno confessionale continua a donare alla Città del Vaticano, sottraendoli con la menzogna dalle tasche della povera gente, se si recuperassero tutti gli introiti dell’ICI (il valore degli immobili vaticani ammonta per difetto a 30 miliardi di euro), la smetteremmo di parlare di debito pubblico (altra bufala) , di crisi delle pensioni, di tagli ai rinnovi contrattuali, alla sanità, alla scuola pubblica, all’arte, alla musica e allo spettacolo… Grazie a Berlusklaun il Vaticano, il più ricco Stato del Mondo, non paga più neppure l’ICI, i suoi monumenti privati sono ristrutturati con le tasse imposte ai lavoratori italiani, e gli istituti cattolici sono finanziati con i soldi di noi tutti, non con le offerte dei fedeli o delle aziende di Berlusconi, abbastanza ricche da permetterselo. Siamo il solo caso nel mondo in cui una popolazione multirazziale e multiconfessionale deve obbligatoriamente versare i propri contributi per farsi indottrinare. Atei, non credenti, agnostici, musulmani, ebrei, protestanti ed induisti, le cui tasse statali sono devolute molto benignamente ad una ideologia religiosa che li combatte accanitamente e che se potesse tornerebbe ad accendere nuovi roghi! È come se gli Italiani – il paragone non vi sembri forzato – fossero costretti a finanziare l’Iran per lasciarsi plagiare: è la stessa identica cosa, anche se sembra assurda. Ma come ha detto qualcuno: “Il Vaticano è uno stato! L’Italia n