BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NUOVO PDL (?)/ Veneziani: si al cambio di nome (e di sostanza), ma Berlusconi che farà?

Foto Ansa Foto Ansa

A due condizioni: Berlusconi deve uscire di scena; e non potrà indicare il futuro leader. «Credo che la fusione rappresenti una scelta strategicamente importante e giusta. Il fatto, tuttavia, che Buttiglione escluda non solo Berlusconi ma chi proviene dalla leadership del partito più grande mi sembra una forzatura». Il ragionamento è semplice: «non è pensabile che il partito di minoranza stabilisca chi sarà la guida. Capisco che il progetto dell’Udc è quello di dare in mano a Casini quanto resta del Pdl, ma sarebbe molto più giusto arrivare a delle primarie o partire da una leadership di chi detiene il pacchetto di maggioranza; quindi, Alfano». 

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.