BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

IL PALAZZO/ Gasparri (Pdl): voto per Alfano e la Lega

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

A tal proposito, Gasparri fa presente: «abbiamo votato la fiducia proprio perché consapevoli dell’emergenza in atto. Che non è legata a Berlusconi, ma all’andamento dell’euro e alla dinamiche dell’economia europea, determinate da chi ha realizzato l’Unione in un certo modo. Ora non ci resta che adottare un atteggiamento costruttivo per trascinarci fuori dalle sacche della crisi. Ascolteremo le proposte di Monti in Parlamento, e valuteremo in quest’ottica». Tra le proposte del presidente del Consiglio, ce ne saranno alcune riguardanti la riforma delle pensioni. Con una serie di misure difficilmente digeribili. «Siamo convinti anche noi della necessità di un intervento sulle pensioni. Con un allungamento in là nel tempo dell’uscita dal lavoro. A patto, tuttavia, che si tutelino i lavoratori che svolgono attività usuranti». 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
03/12/2011 - il Palazzo (maria schepis)

Una tempesta sta per abbattersi sulle nostre spalle e si trova il tempo di parlare di alleanze e di strategie dopo la crisi.Il governo tecnico é una deresponsabilizzazione della politica,che in fretta ha autorizzato esimi professori ad abbattere la scure là dove i partiti,per non compiere scelte impopolari,che avrebbero potuto avere una ricaduta negativa sui voti,hanno preferito rimandare.Il nuovo governo non ha il tempo di compiere scelte strutturali e sta effettuando una manovra che ripercorre strade già individuate e in parte già percorse.Si ritiene che il primo male del paese siano le pensioni,ma corretta,ormai da tempo, la stortura del pensionamento dopo di 19 anni di lavoro,stabiliti i 60anni di età come soglia minima e i 36 anni di attività lavorativa,passati dal calcolo retributivo a quello contributivo per tutti,mi pare una cattiveria insistere oltre su questa strada.Che si combatta la corruzione,che si aboliscano tutti gli enti inutili vero sottobosco della politica,che si smascheri l'evasione fiscale e si argini il lavoro nero.Da lì e da altre scelte andava scovato il denaro,ma la fretta l'hanno pagata ancora una volta,quelli che pagano sempre.I partti stiano in guardia,perché alle prossime lezioni ce ne ricorderemo e, me lo auguro,pagheranno anche loro