BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

MANOVRA MONTI/ 3. Cacciari: così Monti accontenta il Pdl e imbarazza la sinistra

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

Tutti in Italia, in questo momento di grave crisi economica e finanziaria, hanno pochi margini di manovra. Anche i sindacati leveranno le loro proteste, che sulla questione delle pensioni sono giuste, legittime e doverose, ma poi sostanzialmente che cosa possono fare?

C’è infine la questione delle Province, che sono state ridotte e quindi sulla strada di essere cancellate. È realistico pensarlo?

A queste cose credo poco. Ritengo che la questione delle Province appartenga più al campo degli “annunci” che a quello della realtà. Si può facilmente immaginare, data la questione e tutte le implicazioni che comporta, quanto tempo ci vorrà per completare una simile operazione. Siamo solo agli annunci in questo caso.

Questo farebbe parte dei tagli della politica.

Devo dire che il discorso di Mario Monti in generale mi è piaciuto. Ma non mi è affatto piaciuto il suo annuncio pubblico di rinunciare allo stipendio. È stato di cattivo gusto ed è apparso come una stonatura. Sarebbe stato meglio che l’avesse fatto senza dire nulla. E che magari gli italiani lo avessero scoperto a cose fatte. Annunciarlo in questo modo, fa parte delle cose che è meglio non fare.

 

(Gianluigi Da Rold)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
05/12/2011 - Ritorno di Berlusconi (giagio giagio)

Vi ricordate della "BICAMERALE", di quando Dalema è stato presidente del consiglio? Vi ricordate di Berlusconi che gliela tirata alle lunghe per oltre due anni senza farlo approdare a niente? E fu la fine del governo Dalema, e l'egemonia di Berlusconi. Oggi Berlusconi sta dando lenza (terminologia dei pescatori) a Monti e gli fa fare una "bella" manovra che colpisce in particolare i poveri cristi, gli operai, i monoredditi, i pensionati, insomma tutti coloro che nauseati non avrebbero più votato Berlusconi. Gli suggerisce anche di porre la fiducia, così è sicuro che il suo "progetto" si realizzerà con certezza: "Monti ha riempito di tasse gli Italiani meno abbienti, ha rapinato i pensionati del recupero già maturato dell'inflazione , ha rimesso l'ICI, aumentandola di molto, sulla prima casa fatta con tanti sacrifici dai lavoratori, ha impedito ai lavoratori ad andare in pensione, ma ha salvaguardato i grandi patrimoni e le grandi ricchezze - è sempre Berlusconi che parla - io invece non avevo aumentato le tasse, avevo eliminato l'ICI -. Conclusione: Prima che sarà fatto il referendum sulla legge elettorale (che sarebbe una iattura per Berlusconi) il PDL e Berlusconi faranno cadere il governo e si andrà alle elezioni con la vecchia legge elettorale, e sarà un tripudio per Berlusconi, perchè la maggioranza degli allocchi degli Italiani ritornerà a votare COLUI che non ha MAI AUMENTATO LE TASSE.