BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL GIORNO/ Intervista a Consolo, Fli: "La Procura di Milano non può indagare"

Pubblicazione:

Villa di Arcore, Ansa  Villa di Arcore, Ansa

IL GIORNO INTERVISTA CONSOLO - Intervista a Vincenzo Consolo, dirigente di Futuro e libertà e amico personale di Gianfranco Fini. Avvocato e giurista, Consolo esprime il suo parere sul caso Ruby e la richiesta di processo per Silvio Berlusconi.

Per Consolo, non è spiegabile dal punto di vista giuridico l'azione promossa dalla Procura di Milano. Non avrebbero dovuto indagare sul capo del governo: "Infatti" dice "ho preferito non partecipare alla votazione nella giunta per l'autorizzazione della Camera". In aula Consolo ha comunque votato contro il premier "mi sento vincolato alla linea del mio partito ma le assicuro che in quel caso mi è costato moltissimo farlo" dice.

Perché, spiega, "l'unico giudice competente sul vicenda del presidente del Consiglio regolata dall'articolo 96 della Costituzione è il Tribunale dei ministri". Avrebbero dunque ragione gli avvocati di Berlusconi, Consolo precisa che però "il diritto si presta regolarmente a molteplici interpretazioni ma quella giusta è sempre l'interpretazione del più forte". Per Consolo, "è chiaro che in questo momento i magistrati sembrano più forti del premier".


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE L'INTERVISTA A VINCENZO CONSOLO


  PAG. SUCC. >